Archivio della categoria: Associazioni

“Prenditi cura di te”, una rete sul territorio – “Take care of yourself”, a network on the territory

«Sono sul divano a guardare la tv, sento la chiave che gira nella toppa, mi manca il respiro». «Eccolo, sta arrivando. Il pranzo ancora non è pronto. Ho paura». «La violenza ha mille risvolti, non è solo fisica. Ci sono

“Prenditi cura di te”, una rete sul territorio – “Take care of yourself”, a network on the territory

«Sono sul divano a guardare la tv, sento la chiave che gira nella toppa, mi manca il respiro». «Eccolo, sta arrivando. Il pranzo ancora non è pronto. Ho paura». «La violenza ha mille risvolti, non è solo fisica. Ci sono

San Miniato festeggia i Pueri Cantores – San Miniato celebrates the Pueri Cantores

«Attraverso il canto a Dio, i bambini provenienti da qualsiasi parte del mondo, parlano la stessa lingua». Descrive così Marta Corti, direttrice del coro dei Pueri Cantores di San Miniato (Pisa), la bellezza delle voci bianche. «Seguo un gruppo di

San Miniato festeggia i Pueri Cantores – San Miniato celebrates the Pueri Cantores

«Attraverso il canto a Dio, i bambini provenienti da qualsiasi parte del mondo, parlano la stessa lingua». Descrive così Marta Corti, direttrice del coro dei Pueri Cantores di San Miniato (Pisa), la bellezza delle voci bianche. «Seguo un gruppo di

Come raccontare la città? Ad Assisi la Scuola annuale di formazione dell’Ucsi – How to tell the city? In Assisi, the annual School of Ucsi formation

Come si può raccontare la città? Con quali strumenti, con quali linguaggi, con quale consapevolezza? Con quali fini? Sono gli interrogativi che hanno animato ieri pomeriggio alla Cittadella di Assisi il primo momento della Scuola Annuale di Formazione dell’Ucsi (Unione

Come raccontare la città? Ad Assisi la Scuola annuale di formazione dell’Ucsi – How to tell the city? In Assisi, the annual School of Ucsi formation

Come si può raccontare la città? Con quali strumenti, con quali linguaggi, con quale consapevolezza? Con quali fini? Sono gli interrogativi che hanno animato ieri pomeriggio alla Cittadella di Assisi il primo momento della Scuola Annuale di Formazione dell’Ucsi (Unione

Assisi. La tre giorni Ucsi – Assisi. The three days Ucsi

Si è svolta ad Assisi la scuola annuale di formazione “Zizola” per giovani giornalisti, organizzata dall’Ucsi, Unione cattolica stampa italiana. La tre giorni è stata anche l’occasione per il direttivo nazionale di interrogarsi su un’eventuale revisione dello Stato e sulle

Assisi. La tre giorni Ucsi – Assisi. The three days Ucsi

Si è svolta ad Assisi la scuola annuale di formazione “Zizola” per giovani giornalisti, organizzata dall’Ucsi, Unione cattolica stampa italiana. La tre giorni è stata anche l’occasione per il direttivo nazionale di interrogarsi su un’eventuale revisione dello Stato e sulle

Bologna. Tutti i piccoli salvati dai Medici con l’Africa Cuamm – Bologna. All the little ones saved by the Doctors with Africa CUAMM

«Le lacrime delle madri che piangono il loro ennesimo bambino morto, ci sono entrate dentro. Oggi questo per noi non è più un progetto, è diventata la nostra vita». Così don Dante Carraro, direttore di Medici con l’Africa Cuamm, spiega

Bologna. Tutti i piccoli salvati dai Medici con l’Africa Cuamm – Bologna. All the little ones saved by the Doctors with Africa CUAMM

«Le lacrime delle madri che piangono il loro ennesimo bambino morto, ci sono entrate dentro. Oggi questo per noi non è più un progetto, è diventata la nostra vita». Così don Dante Carraro, direttore di Medici con l’Africa Cuamm, spiega

Il Rex di Padova. Da sessant’anni molto più che un cinema – The Rex of Padua. For sixty years, much more than a cinema

Quando entri, ti senti catapultato nel passato, una trentina di anni fa almeno. Le oltre 400 poltroncine di velluto rosso, la tappezzeria rossa anch’essa, sono memoria di altri tempi. Poi però ti ricordi d’aver acquistato il biglietto online, ti vedi

Il Rex di Padova. Da sessant’anni molto più che un cinema – The Rex of Padua. For sixty years, much more than a cinema

Quando entri, ti senti catapultato nel passato, una trentina di anni fa almeno. Le oltre 400 poltroncine di velluto rosso, la tappezzeria rossa anch’essa, sono memoria di altri tempi. Poi però ti ricordi d’aver acquistato il biglietto online, ti vedi

Fontanaluccia. Le campane, “voce” di Dio fra la gente – The bells, “voice” of God among the people

«Poiché le oscillazioni entrerebbero in conflitto con la pendenza, creando problemi strutturali, le campane restano ferme, mentre si aziona il batacchio, un percussore di “soli” sette quintali». Suonare le campane della torre di Pisa è l’esperienza più suggestiva con la

Fontanaluccia. Le campane, “voce” di Dio fra la gente – The bells, “voice” of God among the people

«Poiché le oscillazioni entrerebbero in conflitto con la pendenza, creando problemi strutturali, le campane restano ferme, mentre si aziona il batacchio, un percussore di “soli” sette quintali». Suonare le campane della torre di Pisa è l’esperienza più suggestiva con la

“TerraRossa” guarda all’Eritrea

Sono presenti ad Asmara, ad ad Adi Genu, ad Afabet, Dekemhare, Embatkalla, Ghinda, Halib Mentel, Kuluku, Segneneyti, Senafe, Tokombia. In una “fetta” notevole di Eritrea prestano servizio le suore missionarie Comboniane. Arriva da loro il grido di dolore per tanti

“TerraRossa” guarda all’Eritrea

Sono presenti ad Asmara, ad ad Adi Genu, ad Afabet, Dekemhare, Embatkalla, Ghinda, Halib Mentel, Kuluku, Segneneyti, Senafe, Tokombia. In una “fetta” notevole di Eritrea prestano servizio le suore missionarie Comboniane. Arriva da loro il grido di dolore per tanti

Quei duemila volontari non violenti in mezzo alla violenza

Duemila volontari in 25 anni sono partiti per una presenza nonviolenta in 17 situazioni di guerra nel mondo. Sono per lo più giovani, che hanno scelto il servizio civile, e che vogliono provare un’esperienza forte, oppure persone in pensione, che

Quei duemila volontari non violenti in mezzo alla violenza

Duemila volontari in 25 anni sono partiti per una presenza nonviolenta in 17 situazioni di guerra nel mondo. Sono per lo più giovani, che hanno scelto il servizio civile, e che vogliono provare un’esperienza forte, oppure persone in pensione, che

Convegno nazionale Px Christi. C’è chi pratica la pace in mezzo ai conflitti

«Per praticare la nonviolenza, innanzitutto bisogna essere neri». Al mio sguardo stupito, Alberto Capannini si affretta a spiegare: «Significa appartenere a un popolo che soffre». Allora si può comprendere la sofferenza.Tutto qui? «No, se si trattasse di una torta, direi

Convegno nazionale Px Christi. C’è chi pratica la pace in mezzo ai conflitti

«Per praticare la nonviolenza, innanzitutto bisogna essere neri». Al mio sguardo stupito, Alberto Capannini si affretta a spiegare: «Significa appartenere a un popolo che soffre». Allora si può comprendere la sofferenza.Tutto qui? «No, se si trattasse di una torta, direi