Archivio della categoria: Attualità

Un conflitto tra popoli fratelli

Don Sergio Mercanzin, fondatore di Russia Ecumenica: «Scelta incomprensibile. Nessuno è innocente, tranne le vittime» «Nel vedere in guerra russi e ucraini, due popoli che amo da quasi cinquant’anni e ai quali ho dedicato il mio sacerdozio, mi sento straziato. Non

Un conflitto tra popoli fratelli

Don Sergio Mercanzin, fondatore di Russia Ecumenica: «Scelta incomprensibile. Nessuno è innocente, tranne le vittime» «Nel vedere in guerra russi e ucraini, due popoli che amo da quasi cinquant’anni e ai quali ho dedicato il mio sacerdozio, mi sento straziato. Non

Viaggio in Burkina

L’impegno del vescovo emerito di Pinerolo, Pier Giorgio Debernardi, a servizio dei poveri e del dialogo interreligioso Non è cosa di tutti i giorni che un vescovo, raggiunta l’età della pensione, decida di trasferirsi missionario in Burkina Faso, uno dei

Viaggio in Burkina

L’impegno del vescovo emerito di Pinerolo, Pier Giorgio Debernardi, a servizio dei poveri e del dialogo interreligioso Non è cosa di tutti i giorni che un vescovo, raggiunta l’età della pensione, decida di trasferirsi missionario in Burkina Faso, uno dei

Da Sarajevo a Przemysil per i fragili, Alessandro non si stanca mai

Sergey, sulla cinquantina, è diabetico, necessita di dialisi. Ruslan, vent’anni, è autistico, così come Imre, che di anni ne ha sette. Tatiana, 65 anni, è in sedia a rotelle. Anche Nikita è in sedia a rotelle, ma ha anche problemi

Da Sarajevo a Przemysil per i fragili, Alessandro non si stanca mai

Sergey, sulla cinquantina, è diabetico, necessita di dialisi. Ruslan, vent’anni, è autistico, così come Imre, che di anni ne ha sette. Tatiana, 65 anni, è in sedia a rotelle. Anche Nikita è in sedia a rotelle, ma ha anche problemi

«Basta veleni per i nostri figli». il grido delle mamme No Pfas

ALLARME. Tra Vicenza, Padova e Verona, sono le donne a guidare la battaglia contro il pericoloso inquinante presente nella falda acquifera «Ho trasmesso io il veleno ai miei figli allattandoli al seno»: è arrabbiata Cinzia, 58 anni, nei confronti di

«Basta veleni per i nostri figli». il grido delle mamme No Pfas

ALLARME. Tra Vicenza, Padova e Verona, sono le donne a guidare la battaglia contro il pericoloso inquinante presente nella falda acquifera «Ho trasmesso io il veleno ai miei figli allattandoli al seno»: è arrabbiata Cinzia, 58 anni, nei confronti di

Bangladesh, Italia, Regno Unito – La migrazione non è finita

Sharif ha quasi cinquant’anni, a venti è partito dal Bangladesh e, in maniera rocambolesca, attraversando India e Pakistan, ha raggiunto la Germania. Lì, essendo irregolare, si è arrabattato con mille lavoretti. Sentendo parlare di una regolarizzazione degli stranieri in corso

Bangladesh, Italia, Regno Unito – La migrazione non è finita

Sharif ha quasi cinquant’anni, a venti è partito dal Bangladesh e, in maniera rocambolesca, attraversando India e Pakistan, ha raggiunto la Germania. Lì, essendo irregolare, si è arrabattato con mille lavoretti. Sentendo parlare di una regolarizzazione degli stranieri in corso

Suor Annika Fabbian, «con la vocazione, ho fatto gol»

Dal tutù agli scarpini con i tacchetti. Mamma Giusy non l’aveva presa molto bene: «Mi faceva spogliare in garage per evitare che imbrattassi di fango tutta la casa. Ma io ormai avevo fatto la mia scelta. La danza classica l’avevo

Suor Annika Fabbian, «con la vocazione, ho fatto gol»

Dal tutù agli scarpini con i tacchetti. Mamma Giusy non l’aveva presa molto bene: «Mi faceva spogliare in garage per evitare che imbrattassi di fango tutta la casa. Ma io ormai avevo fatto la mia scelta. La danza classica l’avevo

La grande alluvione in mostra per non dimenticare il Polesine

Le immagini e il ricordo 70 anni dopo C’è chi racconta di aver ospitato una famiglia sfollata e chi di aver ascoltato alla radio gli appelli alla solidarietà. Sono passati settant’anni, ma in Veneto il ricordo dell’alluvione che, tra il

La grande alluvione in mostra per non dimenticare il Polesine

Le immagini e il ricordo 70 anni dopo C’è chi racconta di aver ospitato una famiglia sfollata e chi di aver ascoltato alla radio gli appelli alla solidarietà. Sono passati settant’anni, ma in Veneto il ricordo dell’alluvione che, tra il

Due nuovi assessori alla Solitudine. La scelta dei Comuni contro il disagio

Un assessorato tutto nuovo per un’amministrazione comunale tutta nuova. Siamo a Povegliano Veronese, sulla strada per Mantova, 7mila anime, tra il capoluogo e le sei frazioni. «Si tratta di un Comune piccolo, ma che si estende su un territorio relativamente vasto,

Due nuovi assessori alla Solitudine. La scelta dei Comuni contro il disagio

Un assessorato tutto nuovo per un’amministrazione comunale tutta nuova. Siamo a Povegliano Veronese, sulla strada per Mantova, 7mila anime, tra il capoluogo e le sei frazioni. «Si tratta di un Comune piccolo, ma che si estende su un territorio relativamente vasto,

Gustav Thöni: «Dio mi aiuta ad accettare le stagioni della vita»

________________________________________________________________________________

CI HA FATTO AMARE LO SCI

Gustav Thöni è il campione che, come leader della “Valanga azzurra”, ha fatto “scoprire” lo sci al nostro Paese. Fu il primo italiano a vincere una gara maschile di Coppa del mondo, uno slalom speciale e uno slalom gigante. Nato il 28 febbraio 1951 a Trafoi, in Alto Adige, da una famiglia di italiani di lingua tedesca, ha esordito al trofeo della rivista Topolino nel 1965. Alle Olimpiadi ha vinto un oro (Giappone 1972) e due argenti (Giappone 1972 e Austria 1976). Tra il 1970 e il 1978 ha riportato 24 vittorie in Coppa del mondo e 69 podi. Dal 1989 al 1996 è stato allenatore di Alberto Tomba. Ha portato la bandiera olimpica alla chiusura dei Giochi invernali di Torino 2006.

________________________________________________________________________________

Gustav Thöni: «Dio mi aiuta ad accettare le stagioni della vita»

________________________________________________________________________________

CI HA FATTO AMARE LO SCI

Gustav Thöni è il campione che, come leader della “Valanga azzurra”, ha fatto “scoprire” lo sci al nostro Paese. Fu il primo italiano a vincere una gara maschile di Coppa del mondo, uno slalom speciale e uno slalom gigante. Nato il 28 febbraio 1951 a Trafoi, in Alto Adige, da una famiglia di italiani di lingua tedesca, ha esordito al trofeo della rivista Topolino nel 1965. Alle Olimpiadi ha vinto un oro (Giappone 1972) e due argenti (Giappone 1972 e Austria 1976). Tra il 1970 e il 1978 ha riportato 24 vittorie in Coppa del mondo e 69 podi. Dal 1989 al 1996 è stato allenatore di Alberto Tomba. Ha portato la bandiera olimpica alla chiusura dei Giochi invernali di Torino 2006.

________________________________________________________________________________

«In radio sfido la sclerosi»

«Dora adesso è seduta. Dora è mezza accecata. Ma voi andate oltre, perché Dora è rimasta Dora». Quando la senti alla radio, la sua voce attraversa tutte le gamme: è solare, scherzosa, ma anche più seria se si tratta di

«In radio sfido la sclerosi»

«Dora adesso è seduta. Dora è mezza accecata. Ma voi andate oltre, perché Dora è rimasta Dora». Quando la senti alla radio, la sua voce attraversa tutte le gamme: è solare, scherzosa, ma anche più seria se si tratta di