Archivio della categoria: Attualità

La violenza psicologica non va sottovalutata – Psychological violence should not be underestimated

Sarò impopolare, ma a me la retorica del 25 novembre non convince. La violenza è qualcosa di maledettamente serio; non bastano slogan, citazioni trite e ritrite, scarpe rosse, foto con i lividi e manifestazioni. E’ un problema culturale? Probabilmente sì,

La violenza psicologica non va sottovalutata – Psychological violence should not be underestimated

Sarò impopolare, ma a me la retorica del 25 novembre non convince. La violenza è qualcosa di maledettamente serio; non bastano slogan, citazioni trite e ritrite, scarpe rosse, foto con i lividi e manifestazioni. E’ un problema culturale? Probabilmente sì,

L’Africa di Silvia, quella vera, dove devi sporcarti le mani – Silvia’s Africa, the real one, where you have to get your hands dirty

Il rapimento di Silvia Romano in Kenya pone molti interrogativi: su che cosa significa fare volontariato in aree considerate di crisi, su responsabilità troppo grandi messe sulle spalle di ragazzi giovani, sui problemi di sicurezza… Ne potremo discutere a lungo,

L’Africa di Silvia, quella vera, dove devi sporcarti le mani – Silvia’s Africa, the real one, where you have to get your hands dirty

Il rapimento di Silvia Romano in Kenya pone molti interrogativi: su che cosa significa fare volontariato in aree considerate di crisi, su responsabilità troppo grandi messe sulle spalle di ragazzi giovani, sui problemi di sicurezza… Ne potremo discutere a lungo,

L’assassinio di Maria Grazia Cutuli ci ricorda che le ferite dell’Afghanistan ormai sono diventate piaghe – The murder of Maria Grazia Cutuli reminds us that the wounds of Afghanistan have now become sores

Il 19 novembre 2001, in Afghanistan, sulla strada che da Jalalabad porta a Kabul, veniva assassinata Maria Grazia Cutuli, inviata del Corriere della Sera. Assieme a lei furono uccisi anche l’inviato di “El Mundo”, Julio Fuentes, due corrispondenti dell’agenzia Reuters,

L’assassinio di Maria Grazia Cutuli ci ricorda che le ferite dell’Afghanistan ormai sono diventate piaghe – The murder of Maria Grazia Cutuli reminds us that the wounds of Afghanistan have now become sores

Il 19 novembre 2001, in Afghanistan, sulla strada che da Jalalabad porta a Kabul, veniva assassinata Maria Grazia Cutuli, inviata del Corriere della Sera. Assieme a lei furono uccisi anche l’inviato di “El Mundo”, Julio Fuentes, due corrispondenti dell’agenzia Reuters,

L’Africa di Melania – Melania’s Africa

Checché se ne dica, a me #Melania Trump in Africa è piaciuta. Un bel tour attraverso Ghana, Malawi, Kenya ed Egitto, proprio i Paesi ai quali suo marito vorrebbe tagliare i fondi di assistenza. Non si è certo risparmiata, visitando

L’Africa di Melania – Melania’s Africa

Checché se ne dica, a me #Melania Trump in Africa è piaciuta. Un bel tour attraverso Ghana, Malawi, Kenya ed Egitto, proprio i Paesi ai quali suo marito vorrebbe tagliare i fondi di assistenza. Non si è certo risparmiata, visitando

Gardaland, porte aperte ai disabili – Gardaland, doors open to the disabled

«Isa è stata i miei occhi»: ha detto Simona. Isa è il cane guida di Simona Zanella, responsabile del settore “Cane Guida” dell’associazione Blindsight Project. Il pastore tedesco si è molto divertito ad accompagnare la sua padrona sulla barca dei

Gardaland, porte aperte ai disabili – Gardaland, doors open to the disabled

«Isa è stata i miei occhi»: ha detto Simona. Isa è il cane guida di Simona Zanella, responsabile del settore “Cane Guida” dell’associazione Blindsight Project. Il pastore tedesco si è molto divertito ad accompagnare la sua padrona sulla barca dei

Cinquantacinque anni dopo, «I have a dream» ancora – Fifty-five years later, «I have a dream» again

28 agosto 1963. Tratto da “I have a dream”, il discorso di Martin Luther King, a Washingotn, durante una marcia di protesta per i diritti civili. «Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il

Cinquantacinque anni dopo, «I have a dream» ancora – Fifty-five years later, «I have a dream» again

28 agosto 1963. Tratto da “I have a dream”, il discorso di Martin Luther King, a Washingotn, durante una marcia di protesta per i diritti civili. «Cento anni fa un grande americano, alla cui ombra ci leviamo oggi, firmò il

Don Luca Favarin: «I cristiani escano dalle sacrestie» – «Christians leave the sacristies»

«Non possiamo scappare dal Venerdì Santo. Dobbiamo permettere a questi ragazzi di risorgere». Va dritto al punto il quarantaduenne don Luca Favarin, formatosi prima nelle missioni africane, tra i lebbrosi e le epidemie di colera, a poi alla “scuola della

Don Luca Favarin: «I cristiani escano dalle sacrestie» – «Christians leave the sacristies»

«Non possiamo scappare dal Venerdì Santo. Dobbiamo permettere a questi ragazzi di risorgere». Va dritto al punto il quarantaduenne don Luca Favarin, formatosi prima nelle missioni africane, tra i lebbrosi e le epidemie di colera, a poi alla “scuola della

L’Africa degli imprenditori – Africa of entrepreneurs

«Alcuni imprenditori della diaspora africana in Italia si sono resi conto che il mercato africano per certi aspetti è più interessante di quello italiano». A dirlo è Davide Libralesso, responsabile programmi e relazioni internazionali di Etimos. La fondazione padovana, che

L’Africa degli imprenditori – Africa of entrepreneurs

«Alcuni imprenditori della diaspora africana in Italia si sono resi conto che il mercato africano per certi aspetti è più interessante di quello italiano». A dirlo è Davide Libralesso, responsabile programmi e relazioni internazionali di Etimos. La fondazione padovana, che

Appello per Cristina – Appeal for Cristina

Condivido la preoccupazione per il protrarsi del fermo di Cristina Cattafesta presso il Centro di espulsione di Gaziantep, nel sud est della Turchia. Cristina era in Turchia in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari. Fermata il

Appello per Cristina – Appeal for Cristina

Condivido la preoccupazione per il protrarsi del fermo di Cristina Cattafesta presso il Centro di espulsione di Gaziantep, nel sud est della Turchia. Cristina era in Turchia in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari. Fermata il

“Punire i colpevoli”. L’India in piazza contro la violenza sessuale

Fece scalpore il 16 dicembre 2012 lo stupro di gruppo di Jyoti Singh, una ragazza di 23 anni, che avvenne su un autobus a Nuova Delhi. La studentessa morì per le lesioni riportate. Quell’episodio scatenò grandi proteste. All’epoca la capitale

“Punire i colpevoli”. L’India in piazza contro la violenza sessuale

Fece scalpore il 16 dicembre 2012 lo stupro di gruppo di Jyoti Singh, una ragazza di 23 anni, che avvenne su un autobus a Nuova Delhi. La studentessa morì per le lesioni riportate. Quell’episodio scatenò grandi proteste. All’epoca la capitale