Archivio della categoria: Chiesa

Sud Sudan. «Io, in missione dall’Italia all’Africa sarò vescovo della riconciliazione»

Il primo a sinistra è padre Christian Carlassare, missionario comboniano e nuovo vescovo della diocesi di Rumbek, insieme alla comunità (credits Vatican Media)

Sud Sudan. «Io, in missione dall’Italia all’Africa sarò vescovo della riconciliazione»

Il primo a sinistra è padre Christian Carlassare, missionario comboniano e nuovo vescovo della diocesi di Rumbek, insieme alla comunità (credits Vatican Media)

Fede e comunicazione – Anche religiose e religiosi ridono. Sui social la gioia di essere consacrati

Lo sapete che «Anche i religiosi ridono?». Lo fanno su Facebook, YouTube, Instagram, Tik Tok. Con un breve video, dai 30 secondi al minuto, perché l’attenzione dopo scema. L’iniziativa, partita da Usmi e Cism, associazioni che raccolgono rispettivamente le congregazioni

Fede e comunicazione – Anche religiose e religiosi ridono. Sui social la gioia di essere consacrati

Lo sapete che «Anche i religiosi ridono?». Lo fanno su Facebook, YouTube, Instagram, Tik Tok. Con un breve video, dai 30 secondi al minuto, perché l’attenzione dopo scema. L’iniziativa, partita da Usmi e Cism, associazioni che raccolgono rispettivamente le congregazioni

Verona. Le lacrime di Maria che donano speranza

«Ascolto tutti, e poi porto a Gesù i problemi». Annamaria è l’eremita che non ti aspetti, perché ha scelto un eremo particolare, dove difficilmente resta da sola. Dal 2016 vive nella casa canonica del santuario della Madonna di La Salette

Verona. Le lacrime di Maria che donano speranza

«Ascolto tutti, e poi porto a Gesù i problemi». Annamaria è l’eremita che non ti aspetti, perché ha scelto un eremo particolare, dove difficilmente resta da sola. Dal 2016 vive nella casa canonica del santuario della Madonna di La Salette

«La morte parla anche ai non credenti». Il cappellano del cimitero monumentale di Verona

«Come faremo in quest’anno così difficile a cantare la gioia del Natale? È la domanda che mi pongo in questi giorni mentre mi accingo a preparare l’omelia. Il Natale per me è sempre stato un momento di serenità e di

«La morte parla anche ai non credenti». Il cappellano del cimitero monumentale di Verona

«Come faremo in quest’anno così difficile a cantare la gioia del Natale? È la domanda che mi pongo in questi giorni mentre mi accingo a preparare l’omelia. Il Natale per me è sempre stato un momento di serenità e di

Un manifesto e attività social per “La terra dei presepi”. L’iniziativa ai tempi del Covid

“E così uscimmo a riveder le stelle”: ha il supporto di diocesi e parrocchie la proposta di quest’anno di “Terre di presepi”, sodalizio che dal 2014 promuove il pellegrinaggio natalizio fra i presepi di Toscana, Lazio, Umbria ed Emilia. Ma

Un manifesto e attività social per “La terra dei presepi”. L’iniziativa ai tempi del Covid

“E così uscimmo a riveder le stelle”: ha il supporto di diocesi e parrocchie la proposta di quest’anno di “Terre di presepi”, sodalizio che dal 2014 promuove il pellegrinaggio natalizio fra i presepi di Toscana, Lazio, Umbria ed Emilia. Ma

La parrocchia di San Zeno in diocesi di Verona

«Durante il lockdown, molte persone ci hanno detto di aver riscoperto la fede, pregando in famiglia. Tuttavia, soprattutto in questo periodo natalizio, tutti sentono il bisogno di tornare a stare insieme di fronte all’altare», dice don Marco Crescente, co-parroco con

La parrocchia di San Zeno in diocesi di Verona

«Durante il lockdown, molte persone ci hanno detto di aver riscoperto la fede, pregando in famiglia. Tuttavia, soprattutto in questo periodo natalizio, tutti sentono il bisogno di tornare a stare insieme di fronte all’altare», dice don Marco Crescente, co-parroco con

Toscana. Le Terre di presepi tra attese e timori

«Sentitevi mandati, a nome della Chiesa. Il presepe è un’occasione per i pellegrini di conoscere Gesù». La benedizione del vescovo di San Miniato (Pisa), Andrea Migliavacca, delegato della Conferenza episcopale toscana per il turismo, ha dato il “la” in Toscana

Toscana. Le Terre di presepi tra attese e timori

«Sentitevi mandati, a nome della Chiesa. Il presepe è un’occasione per i pellegrini di conoscere Gesù». La benedizione del vescovo di San Miniato (Pisa), Andrea Migliavacca, delegato della Conferenza episcopale toscana per il turismo, ha dato il “la” in Toscana

Don Pedrollo, «carità traboccante»

«C’è molto di lui, ma anche molto della nostra Opera nelle circa 5.000 pagine partite per Roma, per essere analizzate dalla Congregazione delle cause dei santi. Gli scritti di don Luigi ci aiutano tantissimo, non solo a conoscere nuovi dettagli

Don Pedrollo, «carità traboccante»

«C’è molto di lui, ma anche molto della nostra Opera nelle circa 5.000 pagine partite per Roma, per essere analizzate dalla Congregazione delle cause dei santi. Gli scritti di don Luigi ci aiutano tantissimo, non solo a conoscere nuovi dettagli

Vicenza sotto il manto di Maria – Vicenza under the mantle of Mary

È stata tutta dedicata alla figura della donna nella Chiesa l’omelia di mons. Agostino Marchetto, che ieri ha celebrato, nel Santuario di Monte Berico, la Messa solenne delle 11, in omaggio alla Madonna Madre di Misericordia, dal 1978 patrona della

Vicenza sotto il manto di Maria – Vicenza under the mantle of Mary

È stata tutta dedicata alla figura della donna nella Chiesa l’omelia di mons. Agostino Marchetto, che ieri ha celebrato, nel Santuario di Monte Berico, la Messa solenne delle 11, in omaggio alla Madonna Madre di Misericordia, dal 1978 patrona della

Mio zio Giovanni Paolo I, un Papa materno – My uncle John Paul I, a maternal Pope

«Spero di non avergli fatto prendere freddo». «Ti senti a disagio a scuola?». «Vostra mamma a volte è fin troppo severa, voi avete bisogno di affettuosità». «Era così zio Albino: un uomo che si interrogava sul perché il fratellino Federico

Mio zio Giovanni Paolo I, un Papa materno – My uncle John Paul I, a maternal Pope

«Spero di non avergli fatto prendere freddo». «Ti senti a disagio a scuola?». «Vostra mamma a volte è fin troppo severa, voi avete bisogno di affettuosità». «Era così zio Albino: un uomo che si interrogava sul perché il fratellino Federico