Archivio della categoria: Chiesa

Il “presepe” per narrare il mistero della Pasqua – The “crib” to narrate the mystery of Easter

«Il presepe pasquale è una rappresentazione che intende aiutare il fedele a comprendere meglio il mistero della Pasqua – centro della vita della Chiesa -; è un segno che dona speranza e un modo nuovo per evangelizzare coniugando arte e

Il “presepe” per narrare il mistero della Pasqua – The “crib” to narrate the mystery of Easter

«Il presepe pasquale è una rappresentazione che intende aiutare il fedele a comprendere meglio il mistero della Pasqua – centro della vita della Chiesa -; è un segno che dona speranza e un modo nuovo per evangelizzare coniugando arte e

Mozambico. Un legame stretto con Vicenza – Moçambique. Uma ligação próxima com Vicenza

Il legame tra la Chiesa vicentina e il Mozambico è forte. Per questo per la diocesi di Vicenza «il digiuno, la preghiera e la carità a cui siamo fortemente chiamati in questo tempo di Quaresima, diventano per tutti noi l’occasione

Mozambico. Un legame stretto con Vicenza – Moçambique. Uma ligação próxima com Vicenza

Il legame tra la Chiesa vicentina e il Mozambico è forte. Per questo per la diocesi di Vicenza «il digiuno, la preghiera e la carità a cui siamo fortemente chiamati in questo tempo di Quaresima, diventano per tutti noi l’occasione

A scuola di preghiera con lo smartphone – At a prayer school with a smartphone

Quando ho iniziato, sapevo che per pregare è necessario il silenzio. Ma dove trovarlo? Magari si è in un posto appartato, ma la testa, il cuore sono rumorosi. Sapevo che la preghiera è un dialogo. Ma chi è il mio

A scuola di preghiera con lo smartphone – At a prayer school with a smartphone

Quando ho iniziato, sapevo che per pregare è necessario il silenzio. Ma dove trovarlo? Magari si è in un posto appartato, ma la testa, il cuore sono rumorosi. Sapevo che la preghiera è un dialogo. Ma chi è il mio

Alessandro, il ragazzo che insegna la bellezza della diversità – Alessandro, the boy who teaches the beauty of diversity

Da grande farò il sacerdote». Da bambino, Alessandro “giocava alla Messa” con i calici di carta stagnola costruiti da nonna Clemenza. «Il suo nome è stato l’ultimo che mia madre in età avanzata, in preda alla demenza senile, ha dimenticato»,

Alessandro, il ragazzo che insegna la bellezza della diversità – Alessandro, the boy who teaches the beauty of diversity

Da grande farò il sacerdote». Da bambino, Alessandro “giocava alla Messa” con i calici di carta stagnola costruiti da nonna Clemenza. «Il suo nome è stato l’ultimo che mia madre in età avanzata, in preda alla demenza senile, ha dimenticato»,

Villanova. L’abbazia sulla via dei pellegrini – Villanova. The abbey on the way of pilgrims

L’abbazia è il luogo dove Dio è presente al sommo grado, perché la vita si sostiene sulla pratica del comandamento dell’amore fraterno. Dentro le sue mura vive la comunità monastica, caratterizzata da un’organizzazione perfetta. Attraverso la regola, il monaco diventa

Villanova. L’abbazia sulla via dei pellegrini – Villanova. The abbey on the way of pilgrims

L’abbazia è il luogo dove Dio è presente al sommo grado, perché la vita si sostiene sulla pratica del comandamento dell’amore fraterno. Dentro le sue mura vive la comunità monastica, caratterizzata da un’organizzazione perfetta. Attraverso la regola, il monaco diventa

Dio ama le persone aperte e gioiose – God loves opened and joyful people

Noi domenicani ci avviciniamo di più alla verità grazie all’ironia. Il Vangelo di Giovanni inizia con le nozze di Cana, cioè con Gesù a una festa. Dio ama le persone gioiose». Esordisce così il settantatreenne teologo inglese Timothy Radcliffe, consultore

Dio ama le persone aperte e gioiose – God loves opened and joyful people

Noi domenicani ci avviciniamo di più alla verità grazie all’ironia. Il Vangelo di Giovanni inizia con le nozze di Cana, cioè con Gesù a una festa. Dio ama le persone gioiose». Esordisce così il settantatreenne teologo inglese Timothy Radcliffe, consultore

Il salesiano Bortolaso, vescovi del dialogo – The Salesian Bortolaso, bishops of dialogue

«Mi sono sempre detto tu non sei il vescovo dei Latini soltanto, sei il vescovo di Gesù, e Gesù qui in Siria ha 22 milioni di anime». Bastano queste sue parole per riassumere l’attività di dialogo che il salesiano mons.

Il salesiano Bortolaso, vescovi del dialogo – The Salesian Bortolaso, bishops of dialogue

«Mi sono sempre detto tu non sei il vescovo dei Latini soltanto, sei il vescovo di Gesù, e Gesù qui in Siria ha 22 milioni di anime». Bastano queste sue parole per riassumere l’attività di dialogo che il salesiano mons.

Padre Ignazio De Francesco, un monaco fra i detenuti musulmani – Father Ignazio De Francesco, a monk among Muslim prisoners

C’era una volta Mohammed, pescatore tunisino che, quando tornava in porto, prima di andare a vendere i pesci al mercato, ne teneva alcuni da parte per darli ai bambini di strada. Poi ha commesso un omicidio. «Ciò dimostra che il

Padre Ignazio De Francesco, un monaco fra i detenuti musulmani – Father Ignazio De Francesco, a monk among Muslim prisoners

C’era una volta Mohammed, pescatore tunisino che, quando tornava in porto, prima di andare a vendere i pesci al mercato, ne teneva alcuni da parte per darli ai bambini di strada. Poi ha commesso un omicidio. «Ciò dimostra che il

Una Natività oltre le “barriere” animata da 180 figuranti – A Nativity beyond the “barriers” animated by 180 people

«Un presepe in cui le diversità sono accolte e integrate in una grande armonia»: è il ritratto scelto dal vescovo di Pescia (Pt), mons. Roberto Filippini, per descrivere il senso del presepe vivente, che da tre anni anima il greto

Una Natività oltre le “barriere” animata da 180 figuranti – A Nativity beyond the “barriers” animated by 180 people

«Un presepe in cui le diversità sono accolte e integrate in una grande armonia»: è il ritratto scelto dal vescovo di Pescia (Pt), mons. Roberto Filippini, per descrivere il senso del presepe vivente, che da tre anni anima il greto

Apro le porte ai bisogni della gente – I open the doors to people’s needs

Da Roma città aperta» a «Roma chiesa aperta». «Ma se entrano i barboni?». Era questa l’obiezione che i parrocchiani più conservatori facevano a don Francesco Pesce quando, otto anni fa, diventato parroco della chiesa di Santa Maria ai Monti, nel

Apro le porte ai bisogni della gente – I open the doors to people’s needs

Da Roma città aperta» a «Roma chiesa aperta». «Ma se entrano i barboni?». Era questa l’obiezione che i parrocchiani più conservatori facevano a don Francesco Pesce quando, otto anni fa, diventato parroco della chiesa di Santa Maria ai Monti, nel