Archivio della categoria: Chiesa

Costruito in parrocchia dai giovani il presepe allestito in Aula Paolo VI

Inaugurazione il 10 dicembre 2021. È Schivo di cognome e un pochino anche di fatto, Tommaso, del Gruppo di pastorale giovanile della parrocchia di San Bartolomeo di Gallio, sull’Altopiano dei Sette Comuni (provincia di Vicenza, diocesi di Padova). Tocca a

Costruito in parrocchia dai giovani il presepe allestito in Aula Paolo VI

Inaugurazione il 10 dicembre 2021. È Schivo di cognome e un pochino anche di fatto, Tommaso, del Gruppo di pastorale giovanile della parrocchia di San Bartolomeo di Gallio, sull’Altopiano dei Sette Comuni (provincia di Vicenza, diocesi di Padova). Tocca a

A Vicenza è di nuovo Koinè. Tra app e tradizioni, successo per la “fiera” del sacro. La XIX edizione dopo due anni di stop

«Il fiore fa parte della festa, è il giardino che richiama il Paradiso, il giardino del Cantico dei Cantici, il giardino dell’incontro della comunità con Dio. E quindi va curato con amore». Si sono iscritti in 70 tra sacerdoti, suore,

A Vicenza è di nuovo Koinè. Tra app e tradizioni, successo per la “fiera” del sacro. La XIX edizione dopo due anni di stop

«Il fiore fa parte della festa, è il giardino che richiama il Paradiso, il giardino del Cantico dei Cantici, il giardino dell’incontro della comunità con Dio. E quindi va curato con amore». Si sono iscritti in 70 tra sacerdoti, suore,

«Torno in Sud Sudan per ricucire le ferite»

«Io appartengo al Sud Sudan. Il mio percorso si è intrecciato con questo Paese, e continuerà a farlo. Ora si tratta di spendersi per riallacciare nella Chiesa una relazione di comprensione reciproca. L’accaduto ha dimostrato che come uomini di Dio

«Torno in Sud Sudan per ricucire le ferite»

«Io appartengo al Sud Sudan. Il mio percorso si è intrecciato con questo Paese, e continuerà a farlo. Ora si tratta di spendersi per riallacciare nella Chiesa una relazione di comprensione reciproca. L’accaduto ha dimostrato che come uomini di Dio

«Torno in Sud Sudan per ricucire le ferite»

«Io appartengo al Sud Sudan. Il mio percorso si è intrecciato con questo Paese e continuerà a farlo. Ora si tratta di spendersi per riallacciare nella Chiesa una relazione di comprensione reciproca. L’accaduto ha dimostrato che come uomini di Dio

«Torno in Sud Sudan per ricucire le ferite»

«Io appartengo al Sud Sudan. Il mio percorso si è intrecciato con questo Paese e continuerà a farlo. Ora si tratta di spendersi per riallacciare nella Chiesa una relazione di comprensione reciproca. L’accaduto ha dimostrato che come uomini di Dio

Priština – Il santuario di Madre Teresa è la casa di tutti

Non è solo un edificio, è il simbolo di una Chiesa che risorge dopo anni di annichilimento. E se la sua costruzione all’inizio aveva sollevato obiezioni nella comunità a maggioranza musulmana, che non voleva consegnare il centro della città alla

Priština – Il santuario di Madre Teresa è la casa di tutti

Non è solo un edificio, è il simbolo di una Chiesa che risorge dopo anni di annichilimento. E se la sua costruzione all’inizio aveva sollevato obiezioni nella comunità a maggioranza musulmana, che non voleva consegnare il centro della città alla

Collevalenza (Pg). Nell’abbraccio della Misericordia

Chissà che cosa avrebbe detto Madre Speranza del fatto che la sua foto su Facebook ha ricevuto cinquantamila visualizzazioni? Lei che schivava i media. Lei che amava il fare – fu cuoca, operaia, sarta, contadina -, ma non l’apparire. «L’esposizione

Collevalenza (Pg). Nell’abbraccio della Misericordia

Chissà che cosa avrebbe detto Madre Speranza del fatto che la sua foto su Facebook ha ricevuto cinquantamila visualizzazioni? Lei che schivava i media. Lei che amava il fare – fu cuoca, operaia, sarta, contadina -, ma non l’apparire. «L’esposizione

Prima suora mozambicana nelle Orsoline Cuore di Maria

Circondata dai familiari, dalle consorelle suor Dominique De Blasio e suor Federica Cacciavillani, e dalla superiora generale suor Maria Luisa Bertuzzo, domani mattina alle 10 nella parrocchia di san Matteo Evangelista di Beira, in Mozambico, suor Fátima Amélia Gozaga pronuncerà

Prima suora mozambicana nelle Orsoline Cuore di Maria

Circondata dai familiari, dalle consorelle suor Dominique De Blasio e suor Federica Cacciavillani, e dalla superiora generale suor Maria Luisa Bertuzzo, domani mattina alle 10 nella parrocchia di san Matteo Evangelista di Beira, in Mozambico, suor Fátima Amélia Gozaga pronuncerà

Pellegrinaggi in Terra Santa: la ripresa rimane un’incognita

Continua l’incognita pellegrinaggi in Terra Santa. Dopo l’anno horribilis 2020 che – causa lockdown -, ha visto gli arrivi quasi azzerati (secondo l’Ufficio centrale di statistica di Israele, nel 2019 ci furono 4,5 milioni di persone), il 2021 sembrava essere

Pellegrinaggi in Terra Santa: la ripresa rimane un’incognita

Continua l’incognita pellegrinaggi in Terra Santa. Dopo l’anno horribilis 2020 che – causa lockdown -, ha visto gli arrivi quasi azzerati (secondo l’Ufficio centrale di statistica di Israele, nel 2019 ci furono 4,5 milioni di persone), il 2021 sembrava essere

Terra Santa, nella città di Magdala 50 anni di scavi “vicentini”

«Una evangelista che annuncia il gioioso messaggio centrale della Pasqua»: lei è Santa Maria Maddalena di Magdala, di cui il 22 luglio si celebra la festa liturgica. Un bel salto di qualità – avvenuto nel 2016 per desiderio di papa

Terra Santa, nella città di Magdala 50 anni di scavi “vicentini”

«Una evangelista che annuncia il gioioso messaggio centrale della Pasqua»: lei è Santa Maria Maddalena di Magdala, di cui il 22 luglio si celebra la festa liturgica. Un bel salto di qualità – avvenuto nel 2016 per desiderio di papa

Maria Maddalena. La testimone del Risorto confusa per secoli con la peccatrice anonima

«Maria Maddalena partecipa e condivide il dramma di Gesù. Lo segue nella condanna, nella via del Calvario, nella crocifissione, nella morte, nella deposizione dalla croce. Lei c’è sempre. È la prima a vedere il Risorto. Ed è lei a diffondere

Maria Maddalena. La testimone del Risorto confusa per secoli con la peccatrice anonima

«Maria Maddalena partecipa e condivide il dramma di Gesù. Lo segue nella condanna, nella via del Calvario, nella crocifissione, nella morte, nella deposizione dalla croce. Lei c’è sempre. È la prima a vedere il Risorto. Ed è lei a diffondere