Archivio della categoria: Diritti umani

Silvano Pedrollo. Il manager che dà da bere agli assetati – The manager who gives drink to the thirsties

Parteciperanno quasi 1.500 fra dipendenti e loro familiari, mogli, mariti, figli e pure nonni, alla Messa prenatalizia che sarà celebrata il 14 dicembre nel complesso aziendale di San Bonifacio (Verona), del Gruppo Pedrollo Spa. «Un momento importante, di condivisione e

Silvano Pedrollo. Il manager che dà da bere agli assetati – The manager who gives drink to the thirsties

Parteciperanno quasi 1.500 fra dipendenti e loro familiari, mogli, mariti, figli e pure nonni, alla Messa prenatalizia che sarà celebrata il 14 dicembre nel complesso aziendale di San Bonifacio (Verona), del Gruppo Pedrollo Spa. «Un momento importante, di condivisione e

Franca Viola e Rosa Parks: eroine dei diritti – Franca Viola and Rosa Parks: heroines of rights

Ad inizio dicembre ricordiamo il coraggio di due grandi donne, che con le loro scelte hanno cambiato la storia. Lasciamoci ispirare, perché la strada dei diritti civili è ancora lunga. Il 4 dicembre Franca Viola ha festeggiato il cinquantesimo di

Franca Viola e Rosa Parks: eroine dei diritti – Franca Viola and Rosa Parks: heroines of rights

Ad inizio dicembre ricordiamo il coraggio di due grandi donne, che con le loro scelte hanno cambiato la storia. Lasciamoci ispirare, perché la strada dei diritti civili è ancora lunga. Il 4 dicembre Franca Viola ha festeggiato il cinquantesimo di

Quando la vittima lo è anche di certa stampa – When the victim is also a certain press

D’accordo con la collega. La vittima è vittima due volte, perché di lei a nessuno interessa, anzi, aleggia l’idea che – sotto sotto – se l’è andata a cercare. Chi ha ammazzato invece è degno di scusanti. C’è sempre qualcosa

Quando la vittima lo è anche di certa stampa – When the victim is also a certain press

D’accordo con la collega. La vittima è vittima due volte, perché di lei a nessuno interessa, anzi, aleggia l’idea che – sotto sotto – se l’è andata a cercare. Chi ha ammazzato invece è degno di scusanti. C’è sempre qualcosa

Pakistan. Ci mancherai Asma Jahangir – We will miss you Asma Jahangir – باكستان. سنفتقدك أسماء جهانغير

“La testimonianza di una donna deve valere quanto quella di un uomo, non la metà”. L’avvocata pakistana Asma Jahangir per quella protesta perpetrata nel 1983 fu picchiata e arrestata assieme a molte altre donne che facevano parte dell’Associazione degli avvocati

Pakistan. Ci mancherai Asma Jahangir – We will miss you Asma Jahangir – باكستان. سنفتقدك أسماء جهانغير

“La testimonianza di una donna deve valere quanto quella di un uomo, non la metà”. L’avvocata pakistana Asma Jahangir per quella protesta perpetrata nel 1983 fu picchiata e arrestata assieme a molte altre donne che facevano parte dell’Associazione degli avvocati

Violenza alle donne. Denunciare? Sì, ma a quale prezzo?

Sta per finire la giornata di sensibilizzazione contro la violenza alle donne, e vale la pena fare qualche considerazione, anche un po’ impopolare. A sentire chi sta fuori dal problema, bisogna denunciare, denunciare, denunciare. Ottimo consiglio. Solo che per chi

Violenza alle donne. Denunciare? Sì, ma a quale prezzo?

Sta per finire la giornata di sensibilizzazione contro la violenza alle donne, e vale la pena fare qualche considerazione, anche un po’ impopolare. A sentire chi sta fuori dal problema, bisogna denunciare, denunciare, denunciare. Ottimo consiglio. Solo che per chi

Il femminicidio è una tomba

Purtroppo non si può mai smettere di parlare di violenza alle donne, perché i numeri, anche nella provincia di Vicenza, sono alti. Anche se ci sono violenze sugli uomini, sugli anziani, sui bambini piccolissimi, la donna continua a essere la

Il femminicidio è una tomba

Purtroppo non si può mai smettere di parlare di violenza alle donne, perché i numeri, anche nella provincia di Vicenza, sono alti. Anche se ci sono violenze sugli uomini, sugli anziani, sui bambini piccolissimi, la donna continua a essere la

Israele. Trentamila musulmane, ebree, cristiane, laiche… in marcia per la pace

«Nei nostri incontri a volte ci abbracciamo e piangiamo di commozione le une sulle spalle delle altre, senza bisogno di dirci nulla. Molte di noi hanno infatti perso un figlio, un marito, un familiare. Ogni famiglia israeliana e palestinese ha

Israele. Trentamila musulmane, ebree, cristiane, laiche… in marcia per la pace

«Nei nostri incontri a volte ci abbracciamo e piangiamo di commozione le une sulle spalle delle altre, senza bisogno di dirci nulla. Molte di noi hanno infatti perso un figlio, un marito, un familiare. Ogni famiglia israeliana e palestinese ha

Gloria, la “tagliatrice”

«Correva come una gazzella la mia amica. Siamo riusciti a prenderla quando ormai era buio. Doveva essere “tagliata”, come tutte noi, come si fa da sempre in Nigeria. Ci sono voluti quattro uomini per tenerla ferma. Urlava e si dimenava.

Gloria, la “tagliatrice”

«Correva come una gazzella la mia amica. Siamo riusciti a prenderla quando ormai era buio. Doveva essere “tagliata”, come tutte noi, come si fa da sempre in Nigeria. Ci sono voluti quattro uomini per tenerla ferma. Urlava e si dimenava.

Emmaus cambia la vita a Ganvié, la Venezia d’Africa

A Ganvié, la “Venezia d’Africa, ci si sposta solo su barchette. Siamo in Benin, sulle rive del lago Nakoué, dove 80 mila persone si dissetano, si lavano e lavano i panni con l’acqua della laguna.Una potenziale “bomba” di malattie infettive.

Emmaus cambia la vita a Ganvié, la Venezia d’Africa

A Ganvié, la “Venezia d’Africa, ci si sposta solo su barchette. Siamo in Benin, sulle rive del lago Nakoué, dove 80 mila persone si dissetano, si lavano e lavano i panni con l’acqua della laguna.Una potenziale “bomba” di malattie infettive.

Udine, centinaia di studenti per dire fermiamo le guerre

Siria, Afghanistan, Iraq, Yemen, Libia, Palestina, Sudan, Congo, Ciad, Somalia… È lungo l’elenco dei conflitti nel mondo, che ha portato studenti e insegnanti di 11 scuole primarie e secondarie del Friuli Venezia Giulia, a dire “L’indifferenza è pericolosa! Fermiamo le

Udine, centinaia di studenti per dire fermiamo le guerre

Siria, Afghanistan, Iraq, Yemen, Libia, Palestina, Sudan, Congo, Ciad, Somalia… È lungo l’elenco dei conflitti nel mondo, che ha portato studenti e insegnanti di 11 scuole primarie e secondarie del Friuli Venezia Giulia, a dire “L’indifferenza è pericolosa! Fermiamo le