Archivio della categoria: Riflessione

Ebrei, cristiani, musulmani: questo è un tempo benedetto – Jews, Christians, Muslims: this is a blessed time

Ieri è iniziata la festa ebraica di Pesach e terminerà sabato 27 aprile. Pesach è la festa della liberazione del popolo di Israele dall’Egitto. E ieri è stato anche il Venerdì Santo nelle Chiese occidentali, che ricorda il giorno della

Ebrei, cristiani, musulmani: questo è un tempo benedetto – Jews, Christians, Muslims: this is a blessed time

Ieri è iniziata la festa ebraica di Pesach e terminerà sabato 27 aprile. Pesach è la festa della liberazione del popolo di Israele dall’Egitto. E ieri è stato anche il Venerdì Santo nelle Chiese occidentali, che ricorda il giorno della

Marzo, mese privilegiato per “dichiarare” guerra – March, a privileged month to “declare” war

Nella notte del 24 marzo 1999, la Nato con l’operazione Allied Force, scatenava i bombardamenti aerei su Serbia, Montenegro e Kosovo, per punire il presidente serbo Slobodan Milosevic e far cessare la violenza della sua polizia sulle popolazioni kosovare di

Marzo, mese privilegiato per “dichiarare” guerra – March, a privileged month to “declare” war

Nella notte del 24 marzo 1999, la Nato con l’operazione Allied Force, scatenava i bombardamenti aerei su Serbia, Montenegro e Kosovo, per punire il presidente serbo Slobodan Milosevic e far cessare la violenza della sua polizia sulle popolazioni kosovare di

Ma dove stiamo andando? – But where are we going?

La mia profonda vicinanza agli amici musulmani per la tragedia che oggi ha colpito la Nuova Zelanda: 49 morti e 31 feriti al momento il bilancio dell’attacco terroristico a due moschee. Lasciatemi per prima cosa dire che uccidere delle persone

Ma dove stiamo andando? – But where are we going?

La mia profonda vicinanza agli amici musulmani per la tragedia che oggi ha colpito la Nuova Zelanda: 49 morti e 31 feriti al momento il bilancio dell’attacco terroristico a due moschee. Lasciatemi per prima cosa dire che uccidere delle persone

Adrenalina? No, ricerca del sacro – Adrenaline? No, searching for the sacred

Quando – raramente – racconto delle mie esperienze in Africa o in Afghanistan, o in Siria, la prima domanda che mi viene fatta è: cerchi l’adrenalina? E io rispondo di no, perché se cercassi l’adrenalina, mi farei un giro sulle

Adrenalina? No, ricerca del sacro – Adrenaline? No, searching for the sacred

Quando – raramente – racconto delle mie esperienze in Africa o in Afghanistan, o in Siria, la prima domanda che mi viene fatta è: cerchi l’adrenalina? E io rispondo di no, perché se cercassi l’adrenalina, mi farei un giro sulle

In cammino con i poveri – Walking with the poor

Da sempre i piedi sono stati il mezzo di trasporto dei poveri. Oggi da più parti si riscoprono i cammini. L’abbiamo visto in questi giorni al Meet Tourism di Lucca. Si cammina in Italia sulla Francigena, coast to coast, sulla

In cammino con i poveri – Walking with the poor

Da sempre i piedi sono stati il mezzo di trasporto dei poveri. Oggi da più parti si riscoprono i cammini. L’abbiamo visto in questi giorni al Meet Tourism di Lucca. Si cammina in Italia sulla Francigena, coast to coast, sulla

Il privilegio di fare la giornalista – The privilege of being a journalist

Ho sempre considerato un grande privilegio fare la giornalista. Soprattutto perché ti permette di incontrare le persone. Ed io ho sempre cercato l’incontro. In tanti anni di professione ho davvero incontrato tantissime persone, con alcune siamo diventati amici, con altre

Il privilegio di fare la giornalista – The privilege of being a journalist

Ho sempre considerato un grande privilegio fare la giornalista. Soprattutto perché ti permette di incontrare le persone. Ed io ho sempre cercato l’incontro. In tanti anni di professione ho davvero incontrato tantissime persone, con alcune siamo diventati amici, con altre

Il denaro sporco, una volta riciclato, diventa alberghi, bar e negozi – The dirty money, once recycled, becomes hotels, bars and shops

Pensierino del fine settimana «Siamo più forti noi. Possono tener duro ancora qualche mese o qualche anno, ma mafia, camorra e ‘ndrangheta saranno cancellate dalla faccia di questo splendido paese, ce la metteremo tutta». L’unico modo di aggredire le mafie,

Il denaro sporco, una volta riciclato, diventa alberghi, bar e negozi – The dirty money, once recycled, becomes hotels, bars and shops

Pensierino del fine settimana «Siamo più forti noi. Possono tener duro ancora qualche mese o qualche anno, ma mafia, camorra e ‘ndrangheta saranno cancellate dalla faccia di questo splendido paese, ce la metteremo tutta». L’unico modo di aggredire le mafie,

La solitudine dell’anima – The solitude of the soul

Voglio dedicare questo giorno a chi si sente solo. Non è solo chi non ha nessuno; è solo anche chi così si sente. La solitudine dell’anima è qualcosa di molto pesante, che a volte ti fa pensare che ci sia

La solitudine dell’anima – The solitude of the soul

Voglio dedicare questo giorno a chi si sente solo. Non è solo chi non ha nessuno; è solo anche chi così si sente. La solitudine dell’anima è qualcosa di molto pesante, che a volte ti fa pensare che ci sia

Sotto l’albero di Natale – Under the Christmas tree

Succede a volte che la vita prenda una direzione diversa rispetto a quella che tu volevi. Allora ti chiedi se tutta la fatica e la tenacia profuse siano state inutili. Ti chiedi se hai sbagliato qualcosa, se potevi fare meglio,

Sotto l’albero di Natale – Under the Christmas tree

Succede a volte che la vita prenda una direzione diversa rispetto a quella che tu volevi. Allora ti chiedi se tutta la fatica e la tenacia profuse siano state inutili. Ti chiedi se hai sbagliato qualcosa, se potevi fare meglio,

Al potere finché morte non colga – To power until death takes

Con il 71,28% dei voti, Paul Biya, leader del Movimento Democratico del Popolo Camerunese, per la settima volta è presidente del Camerun. Questo il risultato – contestato da opposizione e secessionisti presenti nelle aree anglofone del paese – uscito dalle

Al potere finché morte non colga – To power until death takes

Con il 71,28% dei voti, Paul Biya, leader del Movimento Democratico del Popolo Camerunese, per la settima volta è presidente del Camerun. Questo il risultato – contestato da opposizione e secessionisti presenti nelle aree anglofone del paese – uscito dalle