Articoli con tag: abusi

Messico. Uccisa la magistrata che difendeva le donne

2.735 omicidi nel 2016; 1.055 le morti tra gennaio e marzo 2017. Sono le donne ammazzate in Messico, spesso vittime del narcotraffico. A questo va aggiunto il numero crescente di violenze: nel Paese il 47% delle donne tra i 16

Messico. Uccisa la magistrata che difendeva le donne

2.735 omicidi nel 2016; 1.055 le morti tra gennaio e marzo 2017. Sono le donne ammazzate in Messico, spesso vittime del narcotraffico. A questo va aggiunto il numero crescente di violenze: nel Paese il 47% delle donne tra i 16

«Perché Dio mi ha fatto nascere donna?»

«Mi chiedo perché Dio mi ha fatto nascere donna, per essere punita in questo modo», Martha, dieci anni, Sud Sudan, sa che il padre la sposerà presto, perché ne ricaverà parecchie mucche. «Nella nostra cultura», spiega, «una ragazza non può

«Perché Dio mi ha fatto nascere donna?»

«Mi chiedo perché Dio mi ha fatto nascere donna, per essere punita in questo modo», Martha, dieci anni, Sud Sudan, sa che il padre la sposerà presto, perché ne ricaverà parecchie mucche. «Nella nostra cultura», spiega, «una ragazza non può

India, il paese che odia le donne

Uno stupro, poi un altro e un altro ancora. L’India, quella degli ashram e dei sadu, quella delle divinità a ogni angolo della strada e dei bagni nel Gange, improvvisamente sale agli onori della cronaca come un Paese che si

India, il paese che odia le donne

Uno stupro, poi un altro e un altro ancora. L’India, quella degli ashram e dei sadu, quella delle divinità a ogni angolo della strada e dei bagni nel Gange, improvvisamente sale agli onori della cronaca come un Paese che si

La condizione delle donne nel mondo

Velo sì o velo no? Ogni tanto la polemica riaffiora. Ma il burqa o il chador, a seconda di dove le donne vivono, è solo l’ultimo anello di una catena di soprusi. Delara Darabi, ventitreenne iraniana, è a rischio impiccagione

La condizione delle donne nel mondo

Velo sì o velo no? Ogni tanto la polemica riaffiora. Ma il burqa o il chador, a seconda di dove le donne vivono, è solo l’ultimo anello di una catena di soprusi. Delara Darabi, ventitreenne iraniana, è a rischio impiccagione