Articoli con tag: al-Qaeda

Quanto vale una vita in relazione alla “ragion di Stato”? – How much is a life worth in relation to “reason of State”?

Quanto vale una vita? Quanto vale in termini economici? Quanto in termini strategici? Il riscatto spesso non è solo uno scambio di denaro. È fatto anche di accordi, e magari di rilascio di quelli che noi chiamiamo terroristi, mentre loro

Quanto vale una vita in relazione alla “ragion di Stato”? – How much is a life worth in relation to “reason of State”?

Quanto vale una vita? Quanto vale in termini economici? Quanto in termini strategici? Il riscatto spesso non è solo uno scambio di denaro. È fatto anche di accordi, e magari di rilascio di quelli che noi chiamiamo terroristi, mentre loro

Burkina Faso. Attacco al cuore di Ougadougou – Attack at the heart of Ouagadougou – بوركينا فاسو. هجوم على قلب واغادوغو

Oggi è stata pesantemente colpita Ougadougou, la capitale del Burkina Faso. Vari punti della città sono stati coinvolti nell’attentato – l’ambasciata e l’istituto culturale francesi, il quartier generale militare, le aree dove sorgono l’edificio del governo e gli uffici delle

Burkina Faso. Attacco al cuore di Ougadougou – Attack at the heart of Ouagadougou – بوركينا فاسو. هجوم على قلب واغادوغو

Oggi è stata pesantemente colpita Ougadougou, la capitale del Burkina Faso. Vari punti della città sono stati coinvolti nell’attentato – l’ambasciata e l’istituto culturale francesi, il quartier generale militare, le aree dove sorgono l’edificio del governo e gli uffici delle

I miliziani da Daesh ad al-Qaeda – The militiamen from Daesh to al-Qaeda – رجال الميليشيات من داعش للقاعدة

Al-Qaeda sta cercando di reclutare i combattenti del Daesh. Sarebbe da considerarsi concorrenza sleale, se volessimo farci un sorriso. Invece la cosa è molto seria. Perché si tratta di gente molto ben addestrata, priva di scrupoli, abituata ad andare giù

I miliziani da Daesh ad al-Qaeda – The militiamen from Daesh to al-Qaeda – رجال الميليشيات من داعش للقاعدة

Al-Qaeda sta cercando di reclutare i combattenti del Daesh. Sarebbe da considerarsi concorrenza sleale, se volessimo farci un sorriso. Invece la cosa è molto seria. Perché si tratta di gente molto ben addestrata, priva di scrupoli, abituata ad andare giù

Isis: un brand che piace a chi non ha nulla da perdere

Pensierino del sabato. Isis rivendica la strage di Nizza, dicendo che Mohamed Lahouaiej Bouhle è “un nostro soldato”. Personalmente, mi avrebbe sorpreso di più se questa rivendicazione non ci fosse stata. Isis rivendicherebbe anche un incidente sulla A4 se ci

Isis: un brand che piace a chi non ha nulla da perdere

Pensierino del sabato. Isis rivendica la strage di Nizza, dicendo che Mohamed Lahouaiej Bouhle è “un nostro soldato”. Personalmente, mi avrebbe sorpreso di più se questa rivendicazione non ci fosse stata. Isis rivendicherebbe anche un incidente sulla A4 se ci

Per il Cameroun si profila un futuro come quello libico

«Il problema fondamentale è che quella è una zona ad alta intensità, per la presenza tanto di gruppi fondamentalisti locali, che di attori esterni. La conflittualità finora localizzata nel Corno d’Africa prima e nel Mali poi, si sta spostando verso

Per il Cameroun si profila un futuro come quello libico

«Il problema fondamentale è che quella è una zona ad alta intensità, per la presenza tanto di gruppi fondamentalisti locali, che di attori esterni. La conflittualità finora localizzata nel Corno d’Africa prima e nel Mali poi, si sta spostando verso

15 marzo 2011: una data cruciale per la Siria

15 marzo 2011, una data cruciale per la Siria. Tre anni dall’inizio di un conflitto, che ha già lasciato sul terreno oltre 140mila morti. Due ospedali su tre, sono distrutti o inservibili, crollano le vaccinazioni, 80mila bambini sono affetti da

15 marzo 2011: una data cruciale per la Siria

15 marzo 2011, una data cruciale per la Siria. Tre anni dall’inizio di un conflitto, che ha già lasciato sul terreno oltre 140mila morti. Due ospedali su tre, sono distrutti o inservibili, crollano le vaccinazioni, 80mila bambini sono affetti da

Il 2013 si conclude con il mondo in ebollizione

A pochi giorni dall’atteso summit internazionale sulla crisi siriana, che si terrà a Ginevra il 22 gennaio p.v., le varie fazioni degli oppositori al regime di Assad sono in lotta fra loro, tanto che si comincia a parlare di una “seconda guerra civile”.

Il 2013 si conclude con il mondo in ebollizione

A pochi giorni dall’atteso summit internazionale sulla crisi siriana, che si terrà a Ginevra il 22 gennaio p.v., le varie fazioni degli oppositori al regime di Assad sono in lotta fra loro, tanto che si comincia a parlare di una “seconda guerra civile”.

Iran. Nucleare sì, ma solo per uso pacifico

I negoziati a Ginevra sono in corso. Calmate le “scintille diplomatiche” tra il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, e il segretario di Stato americano, John Kerry, i colloqui sul nucleare procedono. Tuttavia, sia da parte americana che iraniana

Iran. Nucleare sì, ma solo per uso pacifico

I negoziati a Ginevra sono in corso. Calmate le “scintille diplomatiche” tra il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, e il segretario di Stato americano, John Kerry, i colloqui sul nucleare procedono. Tuttavia, sia da parte americana che iraniana

The terrorist organisations in the north of Africa

Yesterday we had al-Qaeda, today we have Mujao, Ansar Dine, Aqmi, Mujwa, al-Shabab, and Boko Haram. It is as if when the head of the monster of Islamic terrorism is cut off, more tentacles grow in its place. The newspapers

The terrorist organisations in the north of Africa

Yesterday we had al-Qaeda, today we have Mujao, Ansar Dine, Aqmi, Mujwa, al-Shabab, and Boko Haram. It is as if when the head of the monster of Islamic terrorism is cut off, more tentacles grow in its place. The newspapers

Islam di casa nostra

«Con un miliardo e 300 milioni di persone sparse per cinque continenti, l’islam non è di sicuro un monolite, così come non lo è il cristianesimo». A spiegarlo è il professor Stefano Allievi, sociologo e docente all’Università di Padova, autorevole

Islam di casa nostra

«Con un miliardo e 300 milioni di persone sparse per cinque continenti, l’islam non è di sicuro un monolite, così come non lo è il cristianesimo». A spiegarlo è il professor Stefano Allievi, sociologo e docente all’Università di Padova, autorevole