Articoli con tag: califfato

Daesh. Da un piccolo fuoco ad un incendio – Daesh. From a small fire to a fire – من حريق صغير إلى النار

“Stiamo assistendo alla fine del falso Stato di Daesh (Isis), e la liberazione di Mosul lo prova”. Lo ha scritto oggi su Twitter il primo ministro iracheno Haidar al Abadi, dopo che le truppe governative hanno raggiunto ciò che resta

Daesh. Da un piccolo fuoco ad un incendio – Daesh. From a small fire to a fire – من حريق صغير إلى النار

“Stiamo assistendo alla fine del falso Stato di Daesh (Isis), e la liberazione di Mosul lo prova”. Lo ha scritto oggi su Twitter il primo ministro iracheno Haidar al Abadi, dopo che le truppe governative hanno raggiunto ciò che resta

Che cos’è il Califfato per l’Islam – What is the Caliphate for Islam – ما هي الخلافة للإسلام

In questa puntata di Liqā’ u-l’Asdiqā’ vi spiego che cos’è il Califfato nell’Islam.

Che cos’è il Califfato per l’Islam – What is the Caliphate for Islam – ما هي الخلافة للإسلام

In questa puntata di Liqā’ u-l’Asdiqā’ vi spiego che cos’è il Califfato nell’Islam.

Quando l’orrore recluta i bambini

Assieme a fratel Fabio Mussi, missionario laico del Pime, di stanza a Yagoua, nel nord del Cameroun, al confine con il Ciad, cerchiamo di capire la strategia della setta islamica Boko Haram. Il principio fondamentale è il rifiuto di tutto quanto

Quando l’orrore recluta i bambini

Assieme a fratel Fabio Mussi, missionario laico del Pime, di stanza a Yagoua, nel nord del Cameroun, al confine con il Ciad, cerchiamo di capire la strategia della setta islamica Boko Haram. Il principio fondamentale è il rifiuto di tutto quanto

Guerra sì, ma non troppo

Guerra sì, ma non troppo. Perché, se da un lato è necessario contenere le spese e proseguire con la politica di disimpegno in Medio Oriente (iniziata con il ritiro delle truppe dall’Iraq), dall’altro, non si può non reagire alla decapitazione

Guerra sì, ma non troppo

Guerra sì, ma non troppo. Perché, se da un lato è necessario contenere le spese e proseguire con la politica di disimpegno in Medio Oriente (iniziata con il ritiro delle truppe dall’Iraq), dall’altro, non si può non reagire alla decapitazione

Il califfato non sopravviverà

«Il califfato in Iraq/Siria non sopravviverà perché non lo vogliono gli stessi musulmani. Non lo vuole l’Iran e neppure l’Arabia Saudita; due centri di potere forti che si guardano in cagnesco bastano e avanzano. Soprattutto perl’Arabia Saudita è una sfida,

Il califfato non sopravviverà

«Il califfato in Iraq/Siria non sopravviverà perché non lo vogliono gli stessi musulmani. Non lo vuole l’Iran e neppure l’Arabia Saudita; due centri di potere forti che si guardano in cagnesco bastano e avanzano. Soprattutto perl’Arabia Saudita è una sfida,

Iraq. Il califfo appoggiato dagli oppositori di al-Maliki

Com’è possibile che poche migliaia di combattenti, in un tempo breve, siano riusciti a controllare così tanto territorio, fino a conquistare Mosul, seconda città irachena, e ad insidiare la capitale Baghdad, oltre che ad appropriarsi di alcuni dei principali siti

Iraq. Il califfo appoggiato dagli oppositori di al-Maliki

Com’è possibile che poche migliaia di combattenti, in un tempo breve, siano riusciti a controllare così tanto territorio, fino a conquistare Mosul, seconda città irachena, e ad insidiare la capitale Baghdad, oltre che ad appropriarsi di alcuni dei principali siti