Articoli con tag: Cisda

Good news. Cristina Cattafesta è libera – Good news. Cristina Cattafesta is free

GOOD NEWS. Non vi avevo ancora dato la bella notizia. Cristina Cattafesta, l’attivista del Cisda (Coordinamento donne afghane) fermata a Istanbul – dov’era in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari -, il 6 luglio è finalmente

Good news. Cristina Cattafesta è libera – Good news. Cristina Cattafesta is free

GOOD NEWS. Non vi avevo ancora dato la bella notizia. Cristina Cattafesta, l’attivista del Cisda (Coordinamento donne afghane) fermata a Istanbul – dov’era in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari -, il 6 luglio è finalmente

Appello per Cristina – Appeal for Cristina

Condivido la preoccupazione per il protrarsi del fermo di Cristina Cattafesta presso il Centro di espulsione di Gaziantep, nel sud est della Turchia. Cristina era in Turchia in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari. Fermata il

Appello per Cristina – Appeal for Cristina

Condivido la preoccupazione per il protrarsi del fermo di Cristina Cattafesta presso il Centro di espulsione di Gaziantep, nel sud est della Turchia. Cristina era in Turchia in qualità di Osservatrice Internazionale per le elezioni presidenziali e parlamentari. Fermata il

Economia alternativa

Che cosa avranno in comune una capra, una spazzola per i capelli, una vettura, delle sementi, dei mattoni, un chioschetto in legno e una macchina da cucire? Che restituiscono dignità personale e autostima. Allora ben venga “l’economia alternativa”, per chi,

Economia alternativa

Che cosa avranno in comune una capra, una spazzola per i capelli, una vettura, delle sementi, dei mattoni, un chioschetto in legno e una macchina da cucire? Che restituiscono dignità personale e autostima. Allora ben venga “l’economia alternativa”, per chi,

Il difficile 8 marzo delle donne afghane

Le donne afghane non si fermano davanti a nulla, neppure davanti alle minacce e all’ostruzionismo del governo. Il ramo femminile del partito democratico Hambastagi, che ha organizzato a Kabul un grande evento per l’8 marzo, Giornata internazionale della donna, si aspetta

Il difficile 8 marzo delle donne afghane

Le donne afghane non si fermano davanti a nulla, neppure davanti alle minacce e all’ostruzionismo del governo. Il ramo femminile del partito democratico Hambastagi, che ha organizzato a Kabul un grande evento per l’8 marzo, Giornata internazionale della donna, si aspetta

Un “aquilone” per i bambini afghani

Sulle strade afghane ci sono due milioni di bambini orfani, privi di qualsiasi opportunità. È anche per loro che noi dobbiamo diventare leader del nostro Paese. Possiamo farlo, perché abbiamo una marcia in più, ci hanno insegnato a vivere tutti

Un “aquilone” per i bambini afghani

Sulle strade afghane ci sono due milioni di bambini orfani, privi di qualsiasi opportunità. È anche per loro che noi dobbiamo diventare leader del nostro Paese. Possiamo farlo, perché abbiamo una marcia in più, ci hanno insegnato a vivere tutti

Chi dà un futuro ai ragazzi afghani

Sapna ha otto anni e suona il pianoforte. Hamida ne ha 14 e suona il sitar. Negen ha 15 anni e suona il rubab. Non hanno in comune solo l’amore per la musica, ma anche la passione per la bicicletta

Chi dà un futuro ai ragazzi afghani

Sapna ha otto anni e suona il pianoforte. Hamida ne ha 14 e suona il sitar. Negen ha 15 anni e suona il rubab. Non hanno in comune solo l’amore per la musica, ma anche la passione per la bicicletta