Articoli con tag: Cuamm

L’Hiv continua a colpire pesantemente

Se ne sente parlare meno, ma non per questo si deve abbassare la guardia. L’Hiv continua a colpire pesantemente. E’ l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, in occasione del primo dicembre, Giornata mondiale contro l’Aids. Nel 2016 si sono registrati

L’Hiv continua a colpire pesantemente

Se ne sente parlare meno, ma non per questo si deve abbassare la guardia. L’Hiv continua a colpire pesantemente. E’ l’allarme lanciato dall’Organizzazione mondiale della Sanità, in occasione del primo dicembre, Giornata mondiale contro l’Aids. Nel 2016 si sono registrati

Sud Sudan un martirio senza fine

Serata interessantissima (come sempre quando sono io a organizzare), aperta dal saluto di don Arrigo Grendele, direttore Ufficio missionario diocesano, al centro culturale San Paolo di Vicenza con il padre comboniano Daniele Moschetti, provinciale in Sud Sudan per sei anni,

Sud Sudan un martirio senza fine

Serata interessantissima (come sempre quando sono io a organizzare), aperta dal saluto di don Arrigo Grendele, direttore Ufficio missionario diocesano, al centro culturale San Paolo di Vicenza con il padre comboniano Daniele Moschetti, provinciale in Sud Sudan per sei anni,

Il Cuamm in Sierra Leone – «È passato un uragano. Va sollevato il Paese»

La strada per la risalita è ancora lunga, perché il già fragile sistema sanitario della Sierra Leone, con l’epidemia di ebola iniziata nella primavera del 2014 e protrattasi fino ad un paio di mesi fa, ha ricevuto il colpo di

Il Cuamm in Sierra Leone – «È passato un uragano. Va sollevato il Paese»

La strada per la risalita è ancora lunga, perché il già fragile sistema sanitario della Sierra Leone, con l’epidemia di ebola iniziata nella primavera del 2014 e protrattasi fino ad un paio di mesi fa, ha ricevuto il colpo di

Sierra Leone, un’ecatombe!

«L’incidenza dell’ebola – cioè il numero di nuovi casi alla settimana – in Sierra Leone, sta aumentando. Solo ieri se ne sono registrati 94». È tornato in Italia ormai da due mesi, don Dante Carraro, direttore del Cuamm – Medici con l’Africa,

Sierra Leone, un’ecatombe!

«L’incidenza dell’ebola – cioè il numero di nuovi casi alla settimana – in Sierra Leone, sta aumentando. Solo ieri se ne sono registrati 94». È tornato in Italia ormai da due mesi, don Dante Carraro, direttore del Cuamm – Medici con l’Africa,

Sud Sudan, la fatica di crescere

Un medico per 65.574 abitanti; 47,6 tra infermieri e ostetriche ogni 39.088 abitanti; 3 ospedali-scuole di formazione, 7 ospedali di Regione, 16 ospedali di Contea, alcuni centri di salute, un’aspettativa di vita di 66 anni. Il 48% dei bambini sotto

Sud Sudan, la fatica di crescere

Un medico per 65.574 abitanti; 47,6 tra infermieri e ostetriche ogni 39.088 abitanti; 3 ospedali-scuole di formazione, 7 ospedali di Regione, 16 ospedali di Contea, alcuni centri di salute, un’aspettativa di vita di 66 anni. Il 48% dei bambini sotto

I medici: questo è il Paese più disastrato al mondo

I parametri del Sud Sudan – 54° Stato africano – sono tutti negativi. Gli analisti internazionali parlano di uno dei Paesi più sottosviluppati del mondo. Al visitatore basta guardarsi attorno: non ci sono attività agricole; d’altra parte coltivare con la zappa a mano

I medici: questo è il Paese più disastrato al mondo

I parametri del Sud Sudan – 54° Stato africano – sono tutti negativi. Gli analisti internazionali parlano di uno dei Paesi più sottosviluppati del mondo. Al visitatore basta guardarsi attorno: non ci sono attività agricole; d’altra parte coltivare con la zappa a mano

Yirol e Lui tra speranza e realtà

Un viaggio nel profondo Sudan, alla scoperta di un lavoro in prima linea, con e per i più poveri e bisognosi. Oltre 20.000 visite ambulatoriali, circa 7.000 ricoveri, 900 parti, di cui 58 cesarei, circa 4.000 visite prenatali. Sono i

Yirol e Lui tra speranza e realtà

Un viaggio nel profondo Sudan, alla scoperta di un lavoro in prima linea, con e per i più poveri e bisognosi. Oltre 20.000 visite ambulatoriali, circa 7.000 ricoveri, 900 parti, di cui 58 cesarei, circa 4.000 visite prenatali. Sono i