Articoli con tag: fidei donum

Nella città di Beira colpita dai cicloni, con i missionari italiani – Na cidade da Beira atingida por ciclones, com missionários italianos – In the city of Beira hit by cyclones, with Italian missionaries

Il Mozambico è bisognoso di “speranza, pace e riconciliazione”, le tre parole del motto papale dedicato al viaggio. Speranza, perché il Paese si sta faticosamente riprendendo dalla devastazione seguita al passaggio, lo scorso marzo, dei cicloni Idai e Kenneth: quasi

Nella città di Beira colpita dai cicloni, con i missionari italiani – Na cidade da Beira atingida por ciclones, com missionários italianos – In the city of Beira hit by cyclones, with Italian missionaries

Il Mozambico è bisognoso di “speranza, pace e riconciliazione”, le tre parole del motto papale dedicato al viaggio. Speranza, perché il Paese si sta faticosamente riprendendo dalla devastazione seguita al passaggio, lo scorso marzo, dei cicloni Idai e Kenneth: quasi

Padre Daniele Moschetti. Un missionario all’Onu

Avrebbe potuto scegliere la carriera, l’appartamento vicino alla famiglia, il matrimonio, la macchina lussuosa; invece ha scelto gli ultimi, ha scelto di vivere a fianco dell’umanità ferita, che si trova a tutte le latitudini, anche se in alcuni luoghi è

Padre Daniele Moschetti. Un missionario all’Onu

Avrebbe potuto scegliere la carriera, l’appartamento vicino alla famiglia, il matrimonio, la macchina lussuosa; invece ha scelto gli ultimi, ha scelto di vivere a fianco dell’umanità ferita, che si trova a tutte le latitudini, anche se in alcuni luoghi è

Esperienze. Due sacerdoti fidei donum in Mozambico. Il Veneto riscopre l’Africa

Arriva inaspettata la notizia che don Maurizio Bolzon, fidei donum della diocesi di Vicenza, pronto a partire per l’Africa, dovrà attendere fino ad aprile, a causa di un problema all’anca. Viaggio solo rimandato, però per chi, qualche giorno fa mi

Esperienze. Due sacerdoti fidei donum in Mozambico. Il Veneto riscopre l’Africa

Arriva inaspettata la notizia che don Maurizio Bolzon, fidei donum della diocesi di Vicenza, pronto a partire per l’Africa, dovrà attendere fino ad aprile, a causa di un problema all’anca. Viaggio solo rimandato, però per chi, qualche giorno fa mi

Dossier Festival Biblico 2015 – Un anno dopo, liberi da Boko Haram

Un anno fa, il primo giugno, le campane suonarono a festa. Il pubblico del Festival Biblico esplose dalla gioia all’arrivo della notizia della liberazione di don Gianantonio Allegri e don Giampaolo Marta, fidei donum della Diocesi di Vicenza, e della

Dossier Festival Biblico 2015 – Un anno dopo, liberi da Boko Haram

Un anno fa, il primo giugno, le campane suonarono a festa. Il pubblico del Festival Biblico esplose dalla gioia all’arrivo della notizia della liberazione di don Gianantonio Allegri e don Giampaolo Marta, fidei donum della Diocesi di Vicenza, e della

I missionari: “Se andiamo via noi, chi penserà alla gente?”

«Non ho paura perché penso che qui serva una presenza missionaria come testimonianza di fede. Dopo di che, cerco di fare le cose con la testa, e non all’avventura. La valutazione del rischio qui è continua. Abbiamo ridotto molte delle

I missionari: “Se andiamo via noi, chi penserà alla gente?”

«Non ho paura perché penso che qui serva una presenza missionaria come testimonianza di fede. Dopo di che, cerco di fare le cose con la testa, e non all’avventura. La valutazione del rischio qui è continua. Abbiamo ridotto molte delle

A Vicenza suona la musica del mondo

“Il giorno dell’Epifania, Gesù si è manifestato ai Magi, sapienti provenienti dall’Oriente, a simboleggiare tutte le genti, oltre il popolo eletto. Ecco perché, il 6 gennaio, tradizionalmente, in molte diocesi si celebra tutti insieme la propria fede”, dice padre Michele

A Vicenza suona la musica del mondo

“Il giorno dell’Epifania, Gesù si è manifestato ai Magi, sapienti provenienti dall’Oriente, a simboleggiare tutte le genti, oltre il popolo eletto. Ecco perché, il 6 gennaio, tradizionalmente, in molte diocesi si celebra tutti insieme la propria fede”, dice padre Michele

«La Chiesa o è missionaria, o non è» – Parola di papa Francesco

Davanti a un fatto tragico, le strade sono due: o rimanere fermi nel dolore o andare oltre, e far sì che quel dolore si trasformi in qualcosa di costruttivo. «Il rapimento dei nostri fidei donum don Giampaolo Marta e don

«La Chiesa o è missionaria, o non è» – Parola di papa Francesco

Davanti a un fatto tragico, le strade sono due: o rimanere fermi nel dolore o andare oltre, e far sì che quel dolore si trasformi in qualcosa di costruttivo. «Il rapimento dei nostri fidei donum don Giampaolo Marta e don

Vicenza, le ferite e il dolore non fermano la missione

Non si ferma la Diocesi di Vicenza, seppure provata dal massacro di suor Olga Raschietti in Burundi lo scorso 7 settembre e dal rapimento in primavera in Cameroun di don Giampaolo Marta e don Gianantonio Allegri. Nella veglia missionaria dell’11

Vicenza, le ferite e il dolore non fermano la missione

Non si ferma la Diocesi di Vicenza, seppure provata dal massacro di suor Olga Raschietti in Burundi lo scorso 7 settembre e dal rapimento in primavera in Cameroun di don Giampaolo Marta e don Gianantonio Allegri. Nella veglia missionaria dell’11

Gli altri rapiti

Martedì 27 maggio, il cooperante italiano, Federico Motka, rapito, il 12 marzo 2013, in Siria, ad Atmeh (uno dei campi profughi di siriani in fuga da Damasco, nella regione di Idlib), è atterrato a Roma, all’aeroporto di Ciampino, finalmente libero. Il

Gli altri rapiti

Martedì 27 maggio, il cooperante italiano, Federico Motka, rapito, il 12 marzo 2013, in Siria, ad Atmeh (uno dei campi profughi di siriani in fuga da Damasco, nella regione di Idlib), è atterrato a Roma, all’aeroporto di Ciampino, finalmente libero. Il

Con il cuore in Cameroun

  «Lo sforzo è quello di leggere la mano di Dio anche là dove non si capisce che cosa succede, anche là dove le cose sembrano andare al contrario di quello che noi pensiamo essere bene». La prima omelia di

Con il cuore in Cameroun

  «Lo sforzo è quello di leggere la mano di Dio anche là dove non si capisce che cosa succede, anche là dove le cose sembrano andare al contrario di quello che noi pensiamo essere bene». La prima omelia di