Articoli con tag: Fratelli Musulmani

Magri: «Paghiamo anche i danni che abbiamo fatto»

«Mi ha molto colpito il livello mediatico in relazione ai tre attacchi dei giorni scorsi in Tunisia, Lione e Kuwait. Sono stati collegati sulla stampa da parole quali “terrore globale, terrore nei tre continenti“, mentre stanno già emergendo chiavi di

Magri: «Paghiamo anche i danni che abbiamo fatto»

«Mi ha molto colpito il livello mediatico in relazione ai tre attacchi dei giorni scorsi in Tunisia, Lione e Kuwait. Sono stati collegati sulla stampa da parole quali “terrore globale, terrore nei tre continenti“, mentre stanno già emergendo chiavi di

Un mondo senza più ordine

«È come se nel gioco dell’oca fossimo tornati alla prima casella, quando appoggiavamo Mubarak. Come se si fosse chiusa la parentesi delle speranze democratiche». Così Franco Venturini, editoriale de Il Corriere della Sera, dopo la sua intervista al generale Abdel

Un mondo senza più ordine

«È come se nel gioco dell’oca fossimo tornati alla prima casella, quando appoggiavamo Mubarak. Come se si fosse chiusa la parentesi delle speranze democratiche». Così Franco Venturini, editoriale de Il Corriere della Sera, dopo la sua intervista al generale Abdel

Gaza. È un massacro!

Husam Ibrahim Najjar, 14 anni; Hijaziyya Hamed al-Hilo, 80 anni, Moussa Shehda Moanner, 60. E poi Wasim, Shuhaibar Afnan, tutti di 8 anni. L’elenco potrebbe continuare a lungo, perché sono ormai più di 600 le vittime palestinesi dall’8 luglio 2014,

Gaza. È un massacro!

Husam Ibrahim Najjar, 14 anni; Hijaziyya Hamed al-Hilo, 80 anni, Moussa Shehda Moanner, 60. E poi Wasim, Shuhaibar Afnan, tutti di 8 anni. L’elenco potrebbe continuare a lungo, perché sono ormai più di 600 le vittime palestinesi dall’8 luglio 2014,

Tanto rumore per nulla? Ha vinto la paura del cambiamento

Questa settimana, il referendum sulla nuova Costituzione, varata dai militari, tra febbraio e marzo le elezioni parlamentari, a giugno le presidenziali. Un momento cruciale per l’Egitto. Di acqua sotto i ponti ne è passata da quel 25 gennaio 2011, che vide

Tanto rumore per nulla? Ha vinto la paura del cambiamento

Questa settimana, il referendum sulla nuova Costituzione, varata dai militari, tra febbraio e marzo le elezioni parlamentari, a giugno le presidenziali. Un momento cruciale per l’Egitto. Di acqua sotto i ponti ne è passata da quel 25 gennaio 2011, che vide

Il 2013 si conclude con il mondo in ebollizione

A pochi giorni dall’atteso summit internazionale sulla crisi siriana, che si terrà a Ginevra il 22 gennaio p.v., le varie fazioni degli oppositori al regime di Assad sono in lotta fra loro, tanto che si comincia a parlare di una “seconda guerra civile”.

Il 2013 si conclude con il mondo in ebollizione

A pochi giorni dall’atteso summit internazionale sulla crisi siriana, che si terrà a Ginevra il 22 gennaio p.v., le varie fazioni degli oppositori al regime di Assad sono in lotta fra loro, tanto che si comincia a parlare di una “seconda guerra civile”.

Iran. Nucleare sì, ma solo per uso pacifico

I negoziati a Ginevra sono in corso. Calmate le “scintille diplomatiche” tra il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, e il segretario di Stato americano, John Kerry, i colloqui sul nucleare procedono. Tuttavia, sia da parte americana che iraniana

Iran. Nucleare sì, ma solo per uso pacifico

I negoziati a Ginevra sono in corso. Calmate le “scintille diplomatiche” tra il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, e il segretario di Stato americano, John Kerry, i colloqui sul nucleare procedono. Tuttavia, sia da parte americana che iraniana

Islam e democrazia sono conciliabili?

Il sogno egemonico della Fratellanza Musulmana è tramontato. L’errore è stato non capire che anche un governo eletto dal popolo, e quindi democraticamente legittimato (lasciamo perdere la questione che da più parti è stata richiamata dei brogli elettorali), non può

Islam e democrazia sono conciliabili?

Il sogno egemonico della Fratellanza Musulmana è tramontato. L’errore è stato non capire che anche un governo eletto dal popolo, e quindi democraticamente legittimato (lasciamo perdere la questione che da più parti è stata richiamata dei brogli elettorali), non può

Lotta armata ma anche di “propaganda”

Tutti d’accordo, dunque, che il fondamentalismo riguarda tutte le religioni, eppure la maggior parte della gente continua a identificarlo con il mondo islamico, specialmente quando si verificano azioni violente. Ne parliamo con il prof. Domenico Tosini, ricercatore presso la facoltà

Lotta armata ma anche di “propaganda”

Tutti d’accordo, dunque, che il fondamentalismo riguarda tutte le religioni, eppure la maggior parte della gente continua a identificarlo con il mondo islamico, specialmente quando si verificano azioni violente. Ne parliamo con il prof. Domenico Tosini, ricercatore presso la facoltà

Per Cristo si dà anche la vita

Ventitrè morti e almeno una novantina di feriti. E’ stata colpita di nuov, il 19 maggio, con una violenza inaudita, Kirkuk, cittadina irachena, 250 chilometri a nord di Baghdad. In queste terre, spiega l’arcivescovo, monsignor Louis Sako, “si vive un

Per Cristo si dà anche la vita

Ventitrè morti e almeno una novantina di feriti. E’ stata colpita di nuov, il 19 maggio, con una violenza inaudita, Kirkuk, cittadina irachena, 250 chilometri a nord di Baghdad. In queste terre, spiega l’arcivescovo, monsignor Louis Sako, “si vive un

Islam di casa nostra

«Con un miliardo e 300 milioni di persone sparse per cinque continenti, l’islam non è di sicuro un monolite, così come non lo è il cristianesimo». A spiegarlo è il professor Stefano Allievi, sociologo e docente all’Università di Padova, autorevole

Islam di casa nostra

«Con un miliardo e 300 milioni di persone sparse per cinque continenti, l’islam non è di sicuro un monolite, così come non lo è il cristianesimo». A spiegarlo è il professor Stefano Allievi, sociologo e docente all’Università di Padova, autorevole