Articoli con tag: Giorgio Mion

Terza edizione per il corso in nome di Giorgio Zanotto – Third edition for the course in the name of Giorgio Zanotto

«Le organizzazioni economiche, se ben gestite, possono essere un motore vero di innovazione sociale e di risposta ai bisogni e alle marginalità». Questa riflessione di don Renzo Beghini, docente di Teologia Morale all’Università Cattolica di Milano, e alla Facoltà Teologica

Terza edizione per il corso in nome di Giorgio Zanotto – Third edition for the course in the name of Giorgio Zanotto

«Le organizzazioni economiche, se ben gestite, possono essere un motore vero di innovazione sociale e di risposta ai bisogni e alle marginalità». Questa riflessione di don Renzo Beghini, docente di Teologia Morale all’Università Cattolica di Milano, e alla Facoltà Teologica

Aziende e lavoratori uniti in una dimensione etica – Companies and workers united in an ethical dimension

«Oggi siamo di fronte ad un nuovo paradigma del mondo del lavoro: lavoratori imprenditivi e professioni generaliste. L’imprenditivo è il lavoratore che, grazie alle nuove tecnologie, è anche imprenditore di sé stesso. Professione “generalista” significa che, alla competenza professionale specifica,

Aziende e lavoratori uniti in una dimensione etica – Companies and workers united in an ethical dimension

«Oggi siamo di fronte ad un nuovo paradigma del mondo del lavoro: lavoratori imprenditivi e professioni generaliste. L’imprenditivo è il lavoratore che, grazie alle nuove tecnologie, è anche imprenditore di sé stesso. Professione “generalista” significa che, alla competenza professionale specifica,

Le realtà locali fanno squadra per dare risposte ai più fragili

«I più piccoli vengono sostenuti dai più grandi, ma anche i grandi beneficiano dell’aiuto dei piccoli, con una reciprocità vantaggiosa per tutti. È un cammino concreto che “fa molto Chiesa”». Racconta così monsignor Roberto Campostrini, l’esperienza di ADOA, Associazione Diocesana

Le realtà locali fanno squadra per dare risposte ai più fragili

«I più piccoli vengono sostenuti dai più grandi, ma anche i grandi beneficiano dell’aiuto dei piccoli, con una reciprocità vantaggiosa per tutti. È un cammino concreto che “fa molto Chiesa”». Racconta così monsignor Roberto Campostrini, l’esperienza di ADOA, Associazione Diocesana