Articoli con tag: jihadismo

Libia: crisi umanitaria, partenze e rischio jihadismo – Libya: humanitarian crisis, departures and jihadism risk

Dal 4 aprile in Libia si sta consumando una guerra fra le due forze militari più grandi del paese – da una parte i combattenti che stanno con il generale Khalifa Haftar, dall’altra quelli che stanno con Fayez al Serraj,

Libia: crisi umanitaria, partenze e rischio jihadismo – Libya: humanitarian crisis, departures and jihadism risk

Dal 4 aprile in Libia si sta consumando una guerra fra le due forze militari più grandi del paese – da una parte i combattenti che stanno con il generale Khalifa Haftar, dall’altra quelli che stanno con Fayez al Serraj,

Il jihadismo risponde ai bisogni della gente – Jihadism responds to people’s needs

Instabilità politica, alto tasso di disoccupazione giovanile, sistema sociale inesistente, economia stagnante, istituzioni deboli: sono tutti fattori che favoriscono la ricerca di “qualcos’altro”, ovvero qualcosa di più efficace, di più soddisfacente, di più pregnante, oserei dire anche di più “accogliente”.

Il jihadismo risponde ai bisogni della gente – Jihadism responds to people’s needs

Instabilità politica, alto tasso di disoccupazione giovanile, sistema sociale inesistente, economia stagnante, istituzioni deboli: sono tutti fattori che favoriscono la ricerca di “qualcos’altro”, ovvero qualcosa di più efficace, di più soddisfacente, di più pregnante, oserei dire anche di più “accogliente”.

Liberate padre Maccalli! – Free Father Maccalli!

È giunto all’agenzia Fides – attraverso la Società per le Missioni Africane (Sma) – l’appello dei leader musulmani del Niger per la liberazione di padre Pier Luigi Maccalli, prete originario di Cremona, missionario in Niger dal 2007, rapito da un

Liberate padre Maccalli! – Free Father Maccalli!

È giunto all’agenzia Fides – attraverso la Società per le Missioni Africane (Sma) – l’appello dei leader musulmani del Niger per la liberazione di padre Pier Luigi Maccalli, prete originario di Cremona, missionario in Niger dal 2007, rapito da un

Quali criteri per il “travel ban”?

L’attentatore di New York risulta essere di nazionalità uzbeka. L’Uzbekistan ha dato i natali ad alcuni dei responsabili degli attentati più sanguinosi di quest’anno, come quelli alla metropolitana di Pietroburgo e alla discoteca di Istanbul. Eppure l’Uzbekistan, considerata la culla

Quali criteri per il “travel ban”?

L’attentatore di New York risulta essere di nazionalità uzbeka. L’Uzbekistan ha dato i natali ad alcuni dei responsabili degli attentati più sanguinosi di quest’anno, come quelli alla metropolitana di Pietroburgo e alla discoteca di Istanbul. Eppure l’Uzbekistan, considerata la culla

Nigeria. «Non si può ammazzare nel nome di Dio» – Nigeria. «You can not kill in the name of God» – نيجيريا. لا يمكنك قتل باسم الله

«Non si può ammazzare nel nome di Dio»: lo ribadisce la Conferenza episcopale nigeriana, ma l’hanno detto più volte anche i leader musulmani locali. Eppure, in Nigeria si ammazza eccome (35 morti solo a Natale, e il numero delle vittime

Nigeria. «Non si può ammazzare nel nome di Dio» – Nigeria. «You can not kill in the name of God» – نيجيريا. لا يمكنك قتل باسم الله

«Non si può ammazzare nel nome di Dio»: lo ribadisce la Conferenza episcopale nigeriana, ma l’hanno detto più volte anche i leader musulmani locali. Eppure, in Nigeria si ammazza eccome (35 morti solo a Natale, e il numero delle vittime

Romina Gobbo spiega gli “ismi” di uso comune, ma spesso improprio

In questa puntata di Liqā’ u-l’Asdiqā’, provo a chiarire il significato di alcuni termini, a volte usati impropriamente: fondamentalismo, integralismo, jihadismo, terrorismo. È una puntata tosta. Buon ascolto.  

Romina Gobbo spiega gli “ismi” di uso comune, ma spesso improprio

In questa puntata di Liqā’ u-l’Asdiqā’, provo a chiarire il significato di alcuni termini, a volte usati impropriamente: fondamentalismo, integralismo, jihadismo, terrorismo. È una puntata tosta. Buon ascolto.  

La riconquista di Mosul e Raqqa decisiva per spingere il nuovo presidente degli Stati Uniti

Ecco qualche pensiero in libertà. Le forze democratiche siriane hanno strappato a Daesh, Manbij, una delle sue roccaforti, nella provincia di Aleppo; da una parte, rappresenta l’unica via di rifornimento per Raqqa, la capitale del sedicente Stato islamico; dall’altra, blocca

La riconquista di Mosul e Raqqa decisiva per spingere il nuovo presidente degli Stati Uniti

Ecco qualche pensiero in libertà. Le forze democratiche siriane hanno strappato a Daesh, Manbij, una delle sue roccaforti, nella provincia di Aleppo; da una parte, rappresenta l’unica via di rifornimento per Raqqa, la capitale del sedicente Stato islamico; dall’altra, blocca

Un mondo senza più ordine

«È come se nel gioco dell’oca fossimo tornati alla prima casella, quando appoggiavamo Mubarak. Come se si fosse chiusa la parentesi delle speranze democratiche». Così Franco Venturini, editoriale de Il Corriere della Sera, dopo la sua intervista al generale Abdel

Un mondo senza più ordine

«È come se nel gioco dell’oca fossimo tornati alla prima casella, quando appoggiavamo Mubarak. Come se si fosse chiusa la parentesi delle speranze democratiche». Così Franco Venturini, editoriale de Il Corriere della Sera, dopo la sua intervista al generale Abdel