Articoli con tag: Libia

La Libia è la nuova Siria – Libya is the new Syria

La Libia è la nuova Siria. Come i siriani sono scappati verso l’Europa, così faranno presto anche i libici. Ecco quello che avviene quando andiamo a “portare la democrazia” nei paesi “meno sviluppati”. In Libia si combatte una guerra per

La Libia è la nuova Siria – Libya is the new Syria

La Libia è la nuova Siria. Come i siriani sono scappati verso l’Europa, così faranno presto anche i libici. Ecco quello che avviene quando andiamo a “portare la democrazia” nei paesi “meno sviluppati”. In Libia si combatte una guerra per

Libia: crisi umanitaria, partenze e rischio jihadismo – Libya: humanitarian crisis, departures and jihadism risk

Dal 4 aprile in Libia si sta consumando una guerra fra le due forze militari più grandi del paese – da una parte i combattenti che stanno con il generale Khalifa Haftar, dall’altra quelli che stanno con Fayez al Serraj,

Libia: crisi umanitaria, partenze e rischio jihadismo – Libya: humanitarian crisis, departures and jihadism risk

Dal 4 aprile in Libia si sta consumando una guerra fra le due forze militari più grandi del paese – da una parte i combattenti che stanno con il generale Khalifa Haftar, dall’altra quelli che stanno con Fayez al Serraj,

Da cosa scappano i migranti? – What do the migrants escape from?

Alla domanda da che cosa scappano i migranti, possiamo rispondere da tutto questo qui riportato e non solo. Perché non ho citato la ruberia delle terre (land grabbing), non ho citato le malattie (ebola), non ho citato le calamità naturali

Da cosa scappano i migranti? – What do the migrants escape from?

Alla domanda da che cosa scappano i migranti, possiamo rispondere da tutto questo qui riportato e non solo. Perché non ho citato la ruberia delle terre (land grabbing), non ho citato le malattie (ebola), non ho citato le calamità naturali

Sui migranti tutti hanno una loro verità – Everyone has their own truth about the migrants

Il 20 giugno si celebra la Giornata internazionale del rifugiato indetta dalle Nazioni Unite. In queste settimane c’è un vociare assordante sui migranti. Ognuno ha la verità in tasca. Ognuno la sua soluzione. Intanto si gioca con le vite delle

Sui migranti tutti hanno una loro verità – Everyone has their own truth about the migrants

Il 20 giugno si celebra la Giornata internazionale del rifugiato indetta dalle Nazioni Unite. In queste settimane c’è un vociare assordante sui migranti. Ognuno ha la verità in tasca. Ognuno la sua soluzione. Intanto si gioca con le vite delle

Libia. Di nuovo Bengasi sconvolta – Libya. Again Benghazi upset

Libia. Attentato con autobomba a Bengasi oggi: 7 morti e 22 feriti, tutti civili. Proclamare di avere sconfitto Isis non significa che corrisponda alla realtà. Parliamo di un fenomeno che si evolve, cambia pelle in continuazione, magari utilizza un low

Libia. Di nuovo Bengasi sconvolta – Libya. Again Benghazi upset

Libia. Attentato con autobomba a Bengasi oggi: 7 morti e 22 feriti, tutti civili. Proclamare di avere sconfitto Isis non significa che corrisponda alla realtà. Parliamo di un fenomeno che si evolve, cambia pelle in continuazione, magari utilizza un low

Operation smile. E tre bimbi libici tornano a sorridere – And three Libyan children return to smile – العملية، إبتسامة. ويعود ثلاثة أطفال ليبيين إلى الابتسامة

«Una madre giovane che dà al marito un figlio con una deformità è a rischio abbandono. Perciò, almeno in uno dei tre casi, oltre a ridare il sorriso al bambino, abbiamo salvato una famiglia». Racconta così il tenente Stefano Ciancia,

Operation smile. E tre bimbi libici tornano a sorridere – And three Libyan children return to smile – العملية، إبتسامة. ويعود ثلاثة أطفال ليبيين إلى الابتسامة

«Una madre giovane che dà al marito un figlio con una deformità è a rischio abbandono. Perciò, almeno in uno dei tre casi, oltre a ridare il sorriso al bambino, abbiamo salvato una famiglia». Racconta così il tenente Stefano Ciancia,

Libia. Due esplosioni a Bengasi – Libya. Two explosions in Benghazi – ليبيا. انفجاران في بنغازي

Si è concluso nel pomeriggio, con l’uccisione di cinque terroristi e la liberazione dei 45 funzionari in ostaggio, l’attacco agli uffici di Save The Children a Jalalabad City, che hanno visto la morte di tre persone e il ferimento di

Libia. Due esplosioni a Bengasi – Libya. Two explosions in Benghazi – ليبيا. انفجاران في بنغازي

Si è concluso nel pomeriggio, con l’uccisione di cinque terroristi e la liberazione dei 45 funzionari in ostaggio, l’attacco agli uffici di Save The Children a Jalalabad City, che hanno visto la morte di tre persone e il ferimento di

Il confine dell’Europa si è spostato a sud della Libia – The border of Europe has moved south of Libya – لقد تحركت حدود أوروبا جنوب ليبيا

Il confine dell’Europa si è spostato a sud della Libia. Una sorta di terra di mezzo, che chi vuole provare la via del Mediterraneo, deve attraversare. E che poi deve attraversare al contrario, se rimandato indietro. È il territorio del Fezzan,

Il confine dell’Europa si è spostato a sud della Libia – The border of Europe has moved south of Libya – لقد تحركت حدود أوروبا جنوب ليبيا

Il confine dell’Europa si è spostato a sud della Libia. Una sorta di terra di mezzo, che chi vuole provare la via del Mediterraneo, deve attraversare. E che poi deve attraversare al contrario, se rimandato indietro. È il territorio del Fezzan,

«La nostra casa sia la vostra casa»

«Per la prima volta, abbiamo potuto evacuare rifugiati estremamente vulnerabili dalla Libia direttamente in Italia. Un evento eccezionale e uno sviluppo accolto con grande favore che non sarebbe stato possibile senza il grande impegno delle autorità italiane e il supporto

«La nostra casa sia la vostra casa»

«Per la prima volta, abbiamo potuto evacuare rifugiati estremamente vulnerabili dalla Libia direttamente in Italia. Un evento eccezionale e uno sviluppo accolto con grande favore che non sarebbe stato possibile senza il grande impegno delle autorità italiane e il supporto

Dall’Iraq alla Libia. È la guerra, bellezza!

12 novembre 2003, Nassiriya (الناصرية‎), Iraq. Un camion cisterna, guidato da due kamikaze, si fa esplodere davanti alla base militare italiana “Maestrale”. Muoiono 28 persone, di cui 19 italiani (2 civili, 5 militari dell’Esercito, 12 carabinieri), e ci sono 58

Dall’Iraq alla Libia. È la guerra, bellezza!

12 novembre 2003, Nassiriya (الناصرية‎), Iraq. Un camion cisterna, guidato da due kamikaze, si fa esplodere davanti alla base militare italiana “Maestrale”. Muoiono 28 persone, di cui 19 italiani (2 civili, 5 militari dell’Esercito, 12 carabinieri), e ci sono 58