Articoli con tag: mafia

La memoria monito per il futuro – The memory warning for the future

A chi gli chiedeva perché lui e Francesca non mettessero al mondo un figlio, Giovanni rispondeva: «Perché non si fanno orfani». Invece da quel 23 maggio 1992, siamo tutti orfani. Perché con la morte del giudice Falcone e due mesi

La memoria monito per il futuro – The memory warning for the future

A chi gli chiedeva perché lui e Francesca non mettessero al mondo un figlio, Giovanni rispondeva: «Perché non si fanno orfani». Invece da quel 23 maggio 1992, siamo tutti orfani. Perché con la morte del giudice Falcone e due mesi

Il 9 maggio dedicato alle vittime del terrorismo – May 9th day dedicated to the victims of terrorism

Oggi, 9 maggio, da una parte festeggiamo l’Europa (il 9 maggio 1950 Robert Schuman, all’epoca ministro degli Esteri francese, presenta il piano di cooperazione economica che segna l’inizio del processo di integrazione europea, con l’obiettivo di una futura unione federale)

Il 9 maggio dedicato alle vittime del terrorismo – May 9th day dedicated to the victims of terrorism

Oggi, 9 maggio, da una parte festeggiamo l’Europa (il 9 maggio 1950 Robert Schuman, all’epoca ministro degli Esteri francese, presenta il piano di cooperazione economica che segna l’inizio del processo di integrazione europea, con l’obiettivo di una futura unione federale)

Il Veneto ricco? Di crimini, intimidazioni e omertà – The rich Veneto? Of crimes, intimidation and silence

Stamattina sono state tagliate le gomme di un’auto della Rai, mentre il giornalista Matteo Mohorovicich stava facendo un servizio sull’inquinamento da cromo esavalente di un ruscello a Rosà, nel Vicentino. Ma molti altri colleghi veneti sono stati minacciati a seguito

Il Veneto ricco? Di crimini, intimidazioni e omertà – The rich Veneto? Of crimes, intimidation and silence

Stamattina sono state tagliate le gomme di un’auto della Rai, mentre il giornalista Matteo Mohorovicich stava facendo un servizio sull’inquinamento da cromo esavalente di un ruscello a Rosà, nel Vicentino. Ma molti altri colleghi veneti sono stati minacciati a seguito

Scuola di legalità per fare terra bruciata intorno ai clan – School of legality to make scorched earth around clans

“La Camorra riempie un vuoto di potere dello Stato che nelle amministrazioni periferiche è caratterizzato da corruzione, lungaggini e favoritismi. La Camorra rappresenta uno Stato deviante parallelo rispetto a quello ufficiale”. Scriveva così nella lettera “Per amore del mio popolo,

Scuola di legalità per fare terra bruciata intorno ai clan – School of legality to make scorched earth around clans

“La Camorra riempie un vuoto di potere dello Stato che nelle amministrazioni periferiche è caratterizzato da corruzione, lungaggini e favoritismi. La Camorra rappresenta uno Stato deviante parallelo rispetto a quello ufficiale”. Scriveva così nella lettera “Per amore del mio popolo,

Tutti con Monica – Everyone with Monica

Mi unisco alla solidarietà espressa da tanti colleghi, amici e organi istituzionali, nei confronti di Monica Andolfatto, segretaria del Sindacato giornalisti regionale, nel mirino delle cosche per le sue inchieste sulle infiltrazioni mafiose in Veneto. Un grande abbraccio Monica. A

Tutti con Monica – Everyone with Monica

Mi unisco alla solidarietà espressa da tanti colleghi, amici e organi istituzionali, nei confronti di Monica Andolfatto, segretaria del Sindacato giornalisti regionale, nel mirino delle cosche per le sue inchieste sulle infiltrazioni mafiose in Veneto. Un grande abbraccio Monica. A

Il denaro sporco, una volta riciclato, diventa alberghi, bar e negozi – The dirty money, once recycled, becomes hotels, bars and shops

Pensierino del fine settimana «Siamo più forti noi. Possono tener duro ancora qualche mese o qualche anno, ma mafia, camorra e ‘ndrangheta saranno cancellate dalla faccia di questo splendido paese, ce la metteremo tutta». L’unico modo di aggredire le mafie,

Il denaro sporco, una volta riciclato, diventa alberghi, bar e negozi – The dirty money, once recycled, becomes hotels, bars and shops

Pensierino del fine settimana «Siamo più forti noi. Possono tener duro ancora qualche mese o qualche anno, ma mafia, camorra e ‘ndrangheta saranno cancellate dalla faccia di questo splendido paese, ce la metteremo tutta». L’unico modo di aggredire le mafie,

La villetta a ridosso del mare piace a tutti – Everyone likes the house near the sea

Da qualche giorno in tutta Italia – alcune regioni di più, altre meno – è allarme meteo. Ieri la violenza del vento, i temporali, le mareggiate, hanno provocato danni ad arenili, abitazioni, centri storici, e ci sono anche dei morti

La villetta a ridosso del mare piace a tutti – Everyone likes the house near the sea

Da qualche giorno in tutta Italia – alcune regioni di più, altre meno – è allarme meteo. Ieri la violenza del vento, i temporali, le mareggiate, hanno provocato danni ad arenili, abitazioni, centri storici, e ci sono anche dei morti

«La battaglia contro la mafia ha bisogno di un afflato collettivo»

Si è parlato di mafia a Verona, all’incontro di formazione per giornalisti e commercialisti, organizzato nell’auditorium congressi del Banco Popolare dai rispettivi Ordini del Veneto, e coordinato dal giornalista Beppino Tartaro, trapanese di nascita e veronese d’adozione, impegnato nel fronte

«La battaglia contro la mafia ha bisogno di un afflato collettivo»

Si è parlato di mafia a Verona, all’incontro di formazione per giornalisti e commercialisti, organizzato nell’auditorium congressi del Banco Popolare dai rispettivi Ordini del Veneto, e coordinato dal giornalista Beppino Tartaro, trapanese di nascita e veronese d’adozione, impegnato nel fronte

Peppino contro la mafia

Il 5 gennaio 1948 nacque Giuseppe (Peppino) Impastato, giornalista e militante antimafia; egli stesso di famiglia mafiosa. Le sue denunce contro cosa nostra ne determinarono la condanna a morte; fu assassinato nella notte tra l’8 e il 9 maggio 1978

Peppino contro la mafia

Il 5 gennaio 1948 nacque Giuseppe (Peppino) Impastato, giornalista e militante antimafia; egli stesso di famiglia mafiosa. Le sue denunce contro cosa nostra ne determinarono la condanna a morte; fu assassinato nella notte tra l’8 e il 9 maggio 1978

Difendiamo il vangelo della pace

«Chi si comporta così non è un essere umano, è simile alle bestie»: è tutto qui il testamento spirituale di padre Pino Puglisi, ammazzato dalla mafia il 15 settembre 1993 per il suo impegno a favore della legalità. E forse

Difendiamo il vangelo della pace

«Chi si comporta così non è un essere umano, è simile alle bestie»: è tutto qui il testamento spirituale di padre Pino Puglisi, ammazzato dalla mafia il 15 settembre 1993 per il suo impegno a favore della legalità. E forse