Articoli con tag: Palestina

Niente vale più della libertà – Nothing is worth more than freedom

Mai come in questi giorni penso che aver frequentato aree di crisi fa la differenza. Perché c’è un’abitudine alle difficoltà, fisiche e psicologiche. Fisiche perché ho dovuto fronteggiare qualche virus bello tosto, gli afghani e gli indiani se la giocano

Niente vale più della libertà – Nothing is worth more than freedom

Mai come in questi giorni penso che aver frequentato aree di crisi fa la differenza. Perché c’è un’abitudine alle difficoltà, fisiche e psicologiche. Fisiche perché ho dovuto fronteggiare qualche virus bello tosto, gli afghani e gli indiani se la giocano

Spianata delle Moschee: status quo, equilibrio sempre più precario – Esplanade of the Mosques: status quo, increasingly precarious balance

Ci risiamo. Tutti gli accessi alla Spianata delle Moschee (Monte del Tempio per gli ebrei) sono stati chiusi dalle forze dell’ordine israeliane, a seguito di un principio di incendio provocato da una bomba. Per i palestinesi la presenza di poliziotti

Spianata delle Moschee: status quo, equilibrio sempre più precario – Esplanade of the Mosques: status quo, increasingly precarious balance

Ci risiamo. Tutti gli accessi alla Spianata delle Moschee (Monte del Tempio per gli ebrei) sono stati chiusi dalle forze dell’ordine israeliane, a seguito di un principio di incendio provocato da una bomba. Per i palestinesi la presenza di poliziotti

Mahmoud Darwish, cantore della Palestina – Cantor of Palestine

Per ricordare Mahmoud Darwish, a dieci anni dalla morte, 9 agosto 2008. Poeta, scrittore e collega giornalista costretto all’esilio, che canta la sua Palestina. سجل أنا عربي ورقم بطاقتي خمسون ألف وأطفالي ثمانية وتاسعهم سيأتي بعد صيف فهل تغضب سجل

Mahmoud Darwish, cantore della Palestina – Cantor of Palestine

Per ricordare Mahmoud Darwish, a dieci anni dalla morte, 9 agosto 2008. Poeta, scrittore e collega giornalista costretto all’esilio, che canta la sua Palestina. سجل أنا عربي ورقم بطاقتي خمسون ألف وأطفالي ثمانية وتاسعهم سيأتي بعد صيف فهل تغضب سجل

Trump, Gerusalemme e l’ora della collera di Hamas – Trump, Jerusalem and the hour of the Hamas rage – القدس وساعة غضب حماس

Il presidente Donald Trump dichiara che gli Stati Uniti riconoscono Gerusalemme “capitale di Israele”, e annuncia il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv alla “Città Santa”, così come aveva anticipato in campagna elettorale. Lo fa quando ricorrono i trent’anni di

Trump, Gerusalemme e l’ora della collera di Hamas – Trump, Jerusalem and the hour of the Hamas rage – القدس وساعة غضب حماس

Il presidente Donald Trump dichiara che gli Stati Uniti riconoscono Gerusalemme “capitale di Israele”, e annuncia il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv alla “Città Santa”, così come aveva anticipato in campagna elettorale. Lo fa quando ricorrono i trent’anni di

Padre Daniele Moschetti. Un missionario all’Onu

Avrebbe potuto scegliere la carriera, l’appartamento vicino alla famiglia, il matrimonio, la macchina lussuosa; invece ha scelto gli ultimi, ha scelto di vivere a fianco dell’umanità ferita, che si trova a tutte le latitudini, anche se in alcuni luoghi è

Padre Daniele Moschetti. Un missionario all’Onu

Avrebbe potuto scegliere la carriera, l’appartamento vicino alla famiglia, il matrimonio, la macchina lussuosa; invece ha scelto gli ultimi, ha scelto di vivere a fianco dell’umanità ferita, che si trova a tutte le latitudini, anche se in alcuni luoghi è

Israele. Trentamila musulmane, ebree, cristiane, laiche… in marcia per la pace

«Nei nostri incontri a volte ci abbracciamo e piangiamo di commozione le une sulle spalle delle altre, senza bisogno di dirci nulla. Molte di noi hanno infatti perso un figlio, un marito, un familiare. Ogni famiglia israeliana e palestinese ha

Israele. Trentamila musulmane, ebree, cristiane, laiche… in marcia per la pace

«Nei nostri incontri a volte ci abbracciamo e piangiamo di commozione le une sulle spalle delle altre, senza bisogno di dirci nulla. Molte di noi hanno infatti perso un figlio, un marito, un familiare. Ogni famiglia israeliana e palestinese ha

La mai risolta questione dello Stato palestinese

L’attentato a Gerusalemme ha riportato l’attenzione sulla mai risolta questione dello Stato palestinese. Negli ultimi anni gli attentati in Europa, la guerra in Siria, l’aumento degli arrivi dei migranti avevano lasciato fuori dal dibattito il conflitto israelo-palestinese. Un conflitto che,

La mai risolta questione dello Stato palestinese

L’attentato a Gerusalemme ha riportato l’attenzione sulla mai risolta questione dello Stato palestinese. Negli ultimi anni gli attentati in Europa, la guerra in Siria, l’aumento degli arrivi dei migranti avevano lasciato fuori dal dibattito il conflitto israelo-palestinese. Un conflitto che,

Essere donna in Paesi in guerra: trasmissione riuscita

Questa settimana abbiamo avuto ospite in studio Romina Gobbo giornalista (Famiglia Cristiana, Credere, Avvenire), scrittrice, studiosa ed esperta del mondo islamico e arabo. Voce narrante Raffaella Dalla Rosa attrice di teatro, autrice e regista.

Essere donna in Paesi in guerra: trasmissione riuscita

Questa settimana abbiamo avuto ospite in studio Romina Gobbo giornalista (Famiglia Cristiana, Credere, Avvenire), scrittrice, studiosa ed esperta del mondo islamico e arabo. Voce narrante Raffaella Dalla Rosa attrice di teatro, autrice e regista.

«Se non ami il tuo nemico, non sei più cristiano»

«Se non ami il tuo nemico, non sei più cristiano»: così Geries Khoury, 64 anni, arabo cristiano e cittadino israeliano, fondatore del Centro studi interreligiosi Al-Liqa di Betlemme. Ho avuto il privilegio di conoscerlo nel 2014, quando lo intervistai per

«Se non ami il tuo nemico, non sei più cristiano»

«Se non ami il tuo nemico, non sei più cristiano»: così Geries Khoury, 64 anni, arabo cristiano e cittadino israeliano, fondatore del Centro studi interreligiosi Al-Liqa di Betlemme. Ho avuto il privilegio di conoscerlo nel 2014, quando lo intervistai per

Mons. Lahham: “In Medio Oriente nessuna sfida tra le religioni”

Non c’è pace neanche a Natale in Terra Santa. Scontri a Betlemme, Hebron, Ramallah, nel campo profughi di Qalandia, in Cisgiordania, a Bethanya (vicinanze di Gerusalemme), e nel varco di Karni, frontiera fra Gaza e Israele. Da quando lo scorso

Mons. Lahham: “In Medio Oriente nessuna sfida tra le religioni”

Non c’è pace neanche a Natale in Terra Santa. Scontri a Betlemme, Hebron, Ramallah, nel campo profughi di Qalandia, in Cisgiordania, a Bethanya (vicinanze di Gerusalemme), e nel varco di Karni, frontiera fra Gaza e Israele. Da quando lo scorso