Articoli con tag: preghiera

Vicenza. Pregare insieme è possibile? – Vicenza. Is possible to prayer together?

Con Luca Lucatello, esperto di religioni e culture, ieri sera si è conclusa a Vicenza la terza edizione di “Unico Dio, tre messaggi – Torah, Bibbia, Corano”, iniziativa da me progettata e condotta, che pone in dialogo le tre religioni

Vicenza. Pregare insieme è possibile? – Vicenza. Is possible to prayer together?

Con Luca Lucatello, esperto di religioni e culture, ieri sera si è conclusa a Vicenza la terza edizione di “Unico Dio, tre messaggi – Torah, Bibbia, Corano”, iniziativa da me progettata e condotta, che pone in dialogo le tre religioni

La preghiera ebraica di Vittorio Robiati Bendaud – The Jewish prayer of Vittorio Robiati Bendaud

Grande serata ieri a Vicenza per il ciclo “Unico Dio, tre messaggi”, con Vittorio Robiati Bendaud. La sua preghiera ebraica ha “spaccato”. Relazione enciclopedica, ricca di significato e appassionata. Posto un po’ di foto e vi consiglio la lettura del

La preghiera ebraica di Vittorio Robiati Bendaud – The Jewish prayer of Vittorio Robiati Bendaud

Grande serata ieri a Vicenza per il ciclo “Unico Dio, tre messaggi”, con Vittorio Robiati Bendaud. La sua preghiera ebraica ha “spaccato”. Relazione enciclopedica, ricca di significato e appassionata. Posto un po’ di foto e vi consiglio la lettura del

Vicenza. “Unico Dio, tre messaggi”, edizione 2018. La preghiera nell’Islam – Vicenza. “One God, three messages”, edition 2018. The prayer in Islam

«Tutti i credenti pregano» Ottima serata con Yassine Lafram (alla mia sinistra guardando la foto), che ci ha fatto conoscere la preghiera nell’Islam. Alla mia destra, don Gianluca Padovan, vice delegato del vescovo Pizziol per l’Islam. Pubblico attento ed interessato:

Vicenza. “Unico Dio, tre messaggi”, edizione 2018. La preghiera nell’Islam – Vicenza. “One God, three messages”, edition 2018. The prayer in Islam

«Tutti i credenti pregano» Ottima serata con Yassine Lafram (alla mia sinistra guardando la foto), che ci ha fatto conoscere la preghiera nell’Islam. Alla mia destra, don Gianluca Padovan, vice delegato del vescovo Pizziol per l’Islam. Pubblico attento ed interessato:

Santuario di Chiampo – L’altra grotta di Lourdes

«Questa grotta diventerà un luogo di preghiera e qui verrà tanta gente…». Parole profetiche quelle del beato fra Claudio, al secolo Riccardo Granzotto, che quella grotta, riproduzione non identica, ma «molto, molto simile», dice fra Damiano Baschirotto, «a quella di

Santuario di Chiampo – L’altra grotta di Lourdes

«Questa grotta diventerà un luogo di preghiera e qui verrà tanta gente…». Parole profetiche quelle del beato fra Claudio, al secolo Riccardo Granzotto, che quella grotta, riproduzione non identica, ma «molto, molto simile», dice fra Damiano Baschirotto, «a quella di

Gli sbarchi, emergenza senza fine

Con l’aereo si rimpatria, con la barca arrivano nuovi disperati. Ancora sbarchi a Lampedusa. Mentre scriviamo sono oltre 1.500 i migranti presenti sull’isola. Di questi, 500 circa sono profughi subsahariani arrivati dalla Libia, il resto tunisini. Una notizia che non sorprende

Gli sbarchi, emergenza senza fine

Con l’aereo si rimpatria, con la barca arrivano nuovi disperati. Ancora sbarchi a Lampedusa. Mentre scriviamo sono oltre 1.500 i migranti presenti sull’isola. Di questi, 500 circa sono profughi subsahariani arrivati dalla Libia, il resto tunisini. Una notizia che non sorprende

Natale 2010. Dietro la ‘cicatrice di cemento’ un’oasi quieta per i più vulnerabili

«Il muro ci taglia fuori»: dice suor Lucia Corradin, vicentina, che opera a Betlemme, in Palestina, nel Caritas Baby Hospital, unica clinica pediatrica specializzata di tutta la Cisgiordania. Senza quegli 82 posti letto, anche la speranza sarebbe venuta meno, perché

Natale 2010. Dietro la ‘cicatrice di cemento’ un’oasi quieta per i più vulnerabili

«Il muro ci taglia fuori»: dice suor Lucia Corradin, vicentina, che opera a Betlemme, in Palestina, nel Caritas Baby Hospital, unica clinica pediatrica specializzata di tutta la Cisgiordania. Senza quegli 82 posti letto, anche la speranza sarebbe venuta meno, perché