Articoli con tag: rapimento

15 marzo 2011: una data cruciale per la Siria

15 marzo 2011, una data cruciale per la Siria. Tre anni dall’inizio di un conflitto, che ha già lasciato sul terreno oltre 140mila morti. Due ospedali su tre, sono distrutti o inservibili, crollano le vaccinazioni, 80mila bambini sono affetti da

15 marzo 2011: una data cruciale per la Siria

15 marzo 2011, una data cruciale per la Siria. Tre anni dall’inizio di un conflitto, che ha già lasciato sul terreno oltre 140mila morti. Due ospedali su tre, sono distrutti o inservibili, crollano le vaccinazioni, 80mila bambini sono affetti da

Camerun. Sacerdote francese fidei donum rapito dagli integralisti Boko Haram – Cameroon. French priest fidei donum kidnapped by the Boko Haram fundamentalists – الكاميرون. الكاهن الفرنسي فيدي دونوم خطف من قبل الأصولية بوكو حرام

Il rapimento del francese padre Georges Wandenbeusch, nella notte fra il 13 e il 14 novembre, nell’Estremo Nord del Camerun, fa temere la svolta di un Paese da sempre volto all’integrazione religiosa. Padre Wandenbeusch, curato della parrocchia di Nghecewé, un

Camerun. Sacerdote francese fidei donum rapito dagli integralisti Boko Haram – Cameroon. French priest fidei donum kidnapped by the Boko Haram fundamentalists – الكاميرون. الكاهن الفرنسي فيدي دونوم خطف من قبل الأصولية بوكو حرام

Il rapimento del francese padre Georges Wandenbeusch, nella notte fra il 13 e il 14 novembre, nell’Estremo Nord del Camerun, fa temere la svolta di un Paese da sempre volto all’integrazione religiosa. Padre Wandenbeusch, curato della parrocchia di Nghecewé, un

Camerun. Terroristi islamici rapiscono sacerdote – Cameroon. Islamic terrorists kidnap priest – الكاميرون. الإرهابيون الإسلاميون يختطفون قسيسا

«Boko Haram vuole colpire il Camerun proprio nel suo “punto di vanto”:  Paese in pace da oltre 50 anni, Paese di integrazione religiosa, Paese aperto al mondo». È l’analisi di don Maurizio Bolzon, sacerdote fidei donum della diocesi di Vicenza, parroco

Camerun. Terroristi islamici rapiscono sacerdote – Cameroon. Islamic terrorists kidnap priest – الكاميرون. الإرهابيون الإسلاميون يختطفون قسيسا

«Boko Haram vuole colpire il Camerun proprio nel suo “punto di vanto”:  Paese in pace da oltre 50 anni, Paese di integrazione religiosa, Paese aperto al mondo». È l’analisi di don Maurizio Bolzon, sacerdote fidei donum della diocesi di Vicenza, parroco

Atteso il ritorno di padre Dall’Oglio e di tutti i rapiti

Ancora incerte le notizie sulla sorte del gesuita scomparso da un paio di giorni: sequestro o negoziato con i ribelli jihadisti? Anche il Papa oggi ha pregato per lui. È bene ricordare che nelle mani dei miliziani jihadisti ci sono

Atteso il ritorno di padre Dall’Oglio e di tutti i rapiti

Ancora incerte le notizie sulla sorte del gesuita scomparso da un paio di giorni: sequestro o negoziato con i ribelli jihadisti? Anche il Papa oggi ha pregato per lui. È bene ricordare che nelle mani dei miliziani jihadisti ci sono

L’appello di Dall’Oglio: digiuniamo insieme per la pace

Il missionario gesuita, in un documento inedito scritto qualche mese fa, aveva lanciato la proposta affinché il 3 agosto, prima della fine del Ramadan, diventasse “giorno di digiuno e preghiera per la riconciliazione e la giustizia in Siria”   «Il

L’appello di Dall’Oglio: digiuniamo insieme per la pace

Il missionario gesuita, in un documento inedito scritto qualche mese fa, aveva lanciato la proposta affinché il 3 agosto, prima della fine del Ramadan, diventasse “giorno di digiuno e preghiera per la riconciliazione e la giustizia in Siria”   «Il

Contro il silenzio suona la campana

«Di questo passo non rimarranno più cristiani in Siria». A dirlo è fra Halim Noujaim, responsabile della regione di San Paolo (Siria, Giordania e Libano) dei frati minori, all’indomani dell’uccisione (il 23 giugno) da parte di estremisti islamici, di padre

Contro il silenzio suona la campana

«Di questo passo non rimarranno più cristiani in Siria». A dirlo è fra Halim Noujaim, responsabile della regione di San Paolo (Siria, Giordania e Libano) dei frati minori, all’indomani dell’uccisione (il 23 giugno) da parte di estremisti islamici, di padre