Articoli con tag: rifiuti

Stefano Arvati: «Il bello di dare nuova vita agli scarti»

«In un’economia globalizzata, ho scelto di ritrovare i valori del mondo contadino, che avevano accompagnato la mia infanzia, e che erano indelebilmente impressi nel mio dna. Erano gli anni 2000. Lasciai lo studio di commercialista avviato nel 1981 e affronta

Stefano Arvati: «Il bello di dare nuova vita agli scarti»

«In un’economia globalizzata, ho scelto di ritrovare i valori del mondo contadino, che avevano accompagnato la mia infanzia, e che erano indelebilmente impressi nel mio dna. Erano gli anni 2000. Lasciai lo studio di commercialista avviato nel 1981 e affronta

La “Missione Ecuador” che sfida la montagna di rifiuti – The “Ecuador Mission” that challenges the mountain of wast – La “Misión de Ecuador” que desafía la montaña de residuose

Arriva per primo il naso, poi l’occhio. Le zaffate provenienti dalla discarica nel “barrio” di Puerto Rico, nella zona del Lago Agrio (Ecuador), non lasciano spazio a dubbi. Infatti, giunti nei pressi, ci accoglie un’enorme montagna di rifiuti, dove orde

La “Missione Ecuador” che sfida la montagna di rifiuti – The “Ecuador Mission” that challenges the mountain of wast – La “Misión de Ecuador” que desafía la montaña de residuose

Arriva per primo il naso, poi l’occhio. Le zaffate provenienti dalla discarica nel “barrio” di Puerto Rico, nella zona del Lago Agrio (Ecuador), non lasciano spazio a dubbi. Infatti, giunti nei pressi, ci accoglie un’enorme montagna di rifiuti, dove orde

Egitto. Garbage City. Un mondo ai margini. Che il Governo non ama raccontare

«Trent’anni fa c’erano solo tende e baracche con i tetti di latta, stuoie per dormire, e coperte stese a terra, sulle quali insegnavamo a cucire, e anche a leggere e scrivere», racconta la comboniana vicentina suor Bertilla Storato, incontrata in

Egitto. Garbage City. Un mondo ai margini. Che il Governo non ama raccontare

«Trent’anni fa c’erano solo tende e baracche con i tetti di latta, stuoie per dormire, e coperte stese a terra, sulle quali insegnavamo a cucire, e anche a leggere e scrivere», racconta la comboniana vicentina suor Bertilla Storato, incontrata in