Un progetto per difendere i “colletti bianchi” dal rischio infiltrazioni

«La mafia non è più quella che spara, almeno nel nord Italia, è quella che investe. Per fare affari, i mafiosi non hanno bisogno di spaventare, bensì di conquistarsi quote di consenso sociale e professionale». Così Pierpaolo Romani, coordinatore nazionale

Un progetto per difendere i “colletti bianchi” dal rischio infiltrazioni

«La mafia non è più quella che spara, almeno nel nord Italia, è quella che investe. Per fare affari, i mafiosi non hanno bisogno di spaventare, bensì di conquistarsi quote di consenso sociale e professionale». Così Pierpaolo Romani, coordinatore nazionale

Dante pellegrino sulla Romea Strata

Un uomo è in fuga tra i canneti della laguna veneziana. Inseguito dai sicari di Azzo VIII d’Este, signore di Ferrara, inciampa. Viene raggiunto, colpito violentemente, muore dissanguato. Non è la trama di un film. È la situazione in cui

Dante pellegrino sulla Romea Strata

Un uomo è in fuga tra i canneti della laguna veneziana. Inseguito dai sicari di Azzo VIII d’Este, signore di Ferrara, inciampa. Viene raggiunto, colpito violentemente, muore dissanguato. Non è la trama di un film. È la situazione in cui

Sud Sudan. «Io, in missione dall’Italia all’Africa sarò vescovo della riconciliazione»

Il primo a sinistra è padre Christian Carlassare, missionario comboniano e nuovo vescovo della diocesi di Rumbek, insieme alla comunità (credits Vatican Media)

Sud Sudan. «Io, in missione dall’Italia all’Africa sarò vescovo della riconciliazione»

Il primo a sinistra è padre Christian Carlassare, missionario comboniano e nuovo vescovo della diocesi di Rumbek, insieme alla comunità (credits Vatican Media)

Una luce nel buio, il nuovo numero di dicembre del «Messaggero di sant’Antonio»

In questi mesi bui di pandemia, che stanno mettendo a dura prova il mondo intero, la copertina del «Messaggero di sant’Antonio» di dicembre rigenera con un soffio di speranza, ricordando l’ormai imminente arrivo di quella Luce che porta a tutti

Una luce nel buio, il nuovo numero di dicembre del «Messaggero di sant’Antonio»

In questi mesi bui di pandemia, che stanno mettendo a dura prova il mondo intero, la copertina del «Messaggero di sant’Antonio» di dicembre rigenera con un soffio di speranza, ricordando l’ormai imminente arrivo di quella Luce che porta a tutti

L’aiuto alle vittime di usura? Ci pensano gli ex bancari

Il presidente della Fondazione veronese “Tovini”, Lorenzetto: «Nel 90% dei casi chi ci contatta vive una disgregazione familiare, la gente è talmente sfiduciata che non lotta più» «O salto le rate, o salto i pasti». A chi si trova sommerso

L’aiuto alle vittime di usura? Ci pensano gli ex bancari

Il presidente della Fondazione veronese “Tovini”, Lorenzetto: «Nel 90% dei casi chi ci contatta vive una disgregazione familiare, la gente è talmente sfiduciata che non lotta più» «O salto le rate, o salto i pasti». A chi si trova sommerso

Per una speranza che conduca alla giustizia

In tempo di Covid non ci resta che essere “Prigionieri della speranza”. Dove la parola “prigionieri” ci riporta anche alle restrizioni a cui ormai da un anno siamo sottoposti. Prigionieri a casa propria, oppure nel proprio comune, nella propria regione.

Per una speranza che conduca alla giustizia

In tempo di Covid non ci resta che essere “Prigionieri della speranza”. Dove la parola “prigionieri” ci riporta anche alle restrizioni a cui ormai da un anno siamo sottoposti. Prigionieri a casa propria, oppure nel proprio comune, nella propria regione.

/ BLOG

Chi vende le armi?

“Chi vende le armi ai terroristi?” La domanda viene da papa Francesco all’indomani del viaggio in Iraq. Chi, se non lui, poteva andare così al sodo? Questo stile diretto è suo fin dall’inizio del Pontificato; allora egli disse: “c’è chi

/ BLOG

Chi vende le armi?

“Chi vende le armi ai terroristi?” La domanda viene da papa Francesco all’indomani del viaggio in Iraq. Chi, se non lui, poteva andare così al sodo? Questo stile diretto è suo fin dall’inizio del Pontificato; allora egli disse: “c’è chi

La memoria delle ebree violate. L’8 marzo raccontato agli studenti

Lidia è giovane, è bella, ama la danza del ventre, è ironica, ed è anche spavalda, si diverte a fare il verso a Hitler. Quando nella banca, dove sta prelevando, irrompe un commando di soldati della Decima Mas, non può

La memoria delle ebree violate. L’8 marzo raccontato agli studenti

Lidia è giovane, è bella, ama la danza del ventre, è ironica, ed è anche spavalda, si diverte a fare il verso a Hitler. Quando nella banca, dove sta prelevando, irrompe un commando di soldati della Decima Mas, non può

«Così la mafia si è insediata al Nord – A Verona la “pace” tra le ‘ndrine»

Una vera e propria guerra alla mafia del Nord Est a colpi di interdittive. Per impedire che il territorio veneto venga “contaminato” da chi si muove nell’illegalità. È quanto sta accadendo a Verona, dove pochi giorni fa è arrivato un

«Così la mafia si è insediata al Nord – A Verona la “pace” tra le ‘ndrine»

Una vera e propria guerra alla mafia del Nord Est a colpi di interdittive. Per impedire che il territorio veneto venga “contaminato” da chi si muove nell’illegalità. È quanto sta accadendo a Verona, dove pochi giorni fa è arrivato un