Un conflitto tra popoli fratelli

Don Sergio Mercanzin, fondatore di Russia Ecumenica: «Scelta incomprensibile. Nessuno è innocente, tranne le vittime» «Nel vedere in guerra russi e ucraini, due popoli che amo da quasi cinquant’anni e ai quali ho dedicato il mio sacerdozio, mi sento straziato. Non

Un conflitto tra popoli fratelli

Don Sergio Mercanzin, fondatore di Russia Ecumenica: «Scelta incomprensibile. Nessuno è innocente, tranne le vittime» «Nel vedere in guerra russi e ucraini, due popoli che amo da quasi cinquant’anni e ai quali ho dedicato il mio sacerdozio, mi sento straziato. Non

Inaugurata a Canale d’Agordo la rinnovata casa natale di papa Giovanni Paolo I

La casa è il luogo degli affetti. E, per Albino Luciani, fu sempre un punto di riferimento. Lo ha raccontato Loris Serafini, direttore del Museo Albino Luciani (Musal) di Canale d’Agordo (Belluno), profondo conoscitore del “Papa del sorriso”. Lo hanno

Inaugurata a Canale d’Agordo la rinnovata casa natale di papa Giovanni Paolo I

La casa è il luogo degli affetti. E, per Albino Luciani, fu sempre un punto di riferimento. Lo ha raccontato Loris Serafini, direttore del Museo Albino Luciani (Musal) di Canale d’Agordo (Belluno), profondo conoscitore del “Papa del sorriso”. Lo hanno

Viaggio in Burkina

L’impegno del vescovo emerito di Pinerolo, Pier Giorgio Debernardi, a servizio dei poveri e del dialogo interreligioso Non è cosa di tutti i giorni che un vescovo, raggiunta l’età della pensione, decida di trasferirsi missionario in Burkina Faso, uno dei

Viaggio in Burkina

L’impegno del vescovo emerito di Pinerolo, Pier Giorgio Debernardi, a servizio dei poveri e del dialogo interreligioso Non è cosa di tutti i giorni che un vescovo, raggiunta l’età della pensione, decida di trasferirsi missionario in Burkina Faso, uno dei

Al Festival Biblico per tornare a sperare in cielo e terra nuovi

Torna in 21 città venete il tradizionale appuntamento con l’attualizzazione e il confronto sui grandi temi della Scrittura. Accento sull’urgenza di dare basi concrete a un futuro vivibile e condiviso «Quando abbiamo cominciato a ragionare sul tema del Festival biblico

Al Festival Biblico per tornare a sperare in cielo e terra nuovi

Torna in 21 città venete il tradizionale appuntamento con l’attualizzazione e il confronto sui grandi temi della Scrittura. Accento sull’urgenza di dare basi concrete a un futuro vivibile e condiviso «Quando abbiamo cominciato a ragionare sul tema del Festival biblico

/ BLOG

Israele. Attacco al cuore di Tel Aviv

Un attacco terroristico nel cuore di Tel Aviv, in Israele ha provocato oggi almeno due morti e alcuni feriti. Da fine marzo varie città israeliane sono state colpite in cinque, sei attacchi diversi. Non credo sia un caso che domani

/ BLOG

Israele. Attacco al cuore di Tel Aviv

Un attacco terroristico nel cuore di Tel Aviv, in Israele ha provocato oggi almeno due morti e alcuni feriti. Da fine marzo varie città israeliane sono state colpite in cinque, sei attacchi diversi. Non credo sia un caso che domani

/ BLOG

Burkina Faso. Prelevata una suora statunitense. I rapimenti non si fermano

DIARIO DI VIAGGIO 4 Dal #BurkinaFaso con furore Nella notte tra il 4 e il 5 aprile un gruppo di uomini armati ha rapito la statunitense suor Suellen Tennison, della congregazione delle marianiste della Santa Croce. La religiosa, 83 anni, era nella

/ BLOG

Burkina Faso. Prelevata una suora statunitense. I rapimenti non si fermano

DIARIO DI VIAGGIO 4 Dal #BurkinaFaso con furore Nella notte tra il 4 e il 5 aprile un gruppo di uomini armati ha rapito la statunitense suor Suellen Tennison, della congregazione delle marianiste della Santa Croce. La religiosa, 83 anni, era nella

Da Sarajevo a Przemysil per i fragili, Alessandro non si stanca mai

Sergey, sulla cinquantina, è diabetico, necessita di dialisi. Ruslan, vent’anni, è autistico, così come Imre, che di anni ne ha sette. Tatiana, 65 anni, è in sedia a rotelle. Anche Nikita è in sedia a rotelle, ma ha anche problemi

Da Sarajevo a Przemysil per i fragili, Alessandro non si stanca mai

Sergey, sulla cinquantina, è diabetico, necessita di dialisi. Ruslan, vent’anni, è autistico, così come Imre, che di anni ne ha sette. Tatiana, 65 anni, è in sedia a rotelle. Anche Nikita è in sedia a rotelle, ma ha anche problemi

Burkina Faso. Chiesa alla prova tra jihādismo, armi e povertà

«Oggi il nemico è dentro casa, e questo è terribile. I nostri figli uccidono i loro fratelli. Perché?» Il grido di allarme viene da monsignor Théofile Nare, vescovo di Kaya, nel nord del Burkina Faso, una novantina di chilometri dal

Burkina Faso. Chiesa alla prova tra jihādismo, armi e povertà

«Oggi il nemico è dentro casa, e questo è terribile. I nostri figli uccidono i loro fratelli. Perché?» Il grido di allarme viene da monsignor Théofile Nare, vescovo di Kaya, nel nord del Burkina Faso, una novantina di chilometri dal

Guerre dimenticate. Il racconto dal Burkina Faso della giornalista Romina Gobbo

Questa è un’intervista che mi ha fatto il collega Luigi Marcadella. Grazie. Oltre alla guerra in Ucraina nel mondo si contano decine di altri grandi, medi e micro conflitti. Ugualmente in grado di produrre morte, disperazione e sommovimenti sociali. L’Africa

Guerre dimenticate. Il racconto dal Burkina Faso della giornalista Romina Gobbo

Questa è un’intervista che mi ha fatto il collega Luigi Marcadella. Grazie. Oltre alla guerra in Ucraina nel mondo si contano decine di altri grandi, medi e micro conflitti. Ugualmente in grado di produrre morte, disperazione e sommovimenti sociali. L’Africa

Burkina Faso, paese martoriato dagli attacchi terroristici

Mentre la guerra in Ucraina sta focalizzando l’attenzione di tutto il mondo grazie alla grande copertura mediatica, altri conflitti in aree meno “interessanti” continuano la loro “routine”. Si chiamano guerre non convenzionali perché non vedono affrontarsi gli eserciti regolari di

Burkina Faso, paese martoriato dagli attacchi terroristici

Mentre la guerra in Ucraina sta focalizzando l’attenzione di tutto il mondo grazie alla grande copertura mediatica, altri conflitti in aree meno “interessanti” continuano la loro “routine”. Si chiamano guerre non convenzionali perché non vedono affrontarsi gli eserciti regolari di