Vicenza abbraccia il suo nuovo pastore. Brugnotto: cammineremo tutti insieme

«Sii, caro don Giuliano, un vescovo felice!». Sono queste le parole con le quali il cardinale vicentino Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, ha concluso la sua omelia per l’ordinazione episcopale di monsignor Giuliano Brugnotto, 58 anni, trevigiano, nuovo vescovo

Vicenza abbraccia il suo nuovo pastore. Brugnotto: cammineremo tutti insieme

«Sii, caro don Giuliano, un vescovo felice!». Sono queste le parole con le quali il cardinale vicentino Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, ha concluso la sua omelia per l’ordinazione episcopale di monsignor Giuliano Brugnotto, 58 anni, trevigiano, nuovo vescovo

Tempo di martiri come – subito dopo Natale – ci ricorda santo Stefano

«Il convegno di oggi si svolge nel tempo di Natale, di cui noi abbiamo un’idea molto romantica, a volte sdolcinata. Evidentemente ne abbiamo trasfigurato il valore. Ma il giorno dopo la nascita del Signore, il 26 dicembre, c’è già il primo

Tempo di martiri come – subito dopo Natale – ci ricorda santo Stefano

«Il convegno di oggi si svolge nel tempo di Natale, di cui noi abbiamo un’idea molto romantica, a volte sdolcinata. Evidentemente ne abbiamo trasfigurato il valore. Ma il giorno dopo la nascita del Signore, il 26 dicembre, c’è già il primo

Dal Belice ad Acerra, contro soprusi e mafie: monsignor Antonio Riboldi, il vescovo scomodo

Il 10 dicembre 2017 moriva monsignor Antonio Riboldi, rosminiano, vescovo di Acerra dal 1978 al 2000. E il 10 dicembre 2022, al mattino, nella sala teatro dei frati cappuccini di Padova, Riboldi viene ricordato con un convegno che intende valorizzarne la

Dal Belice ad Acerra, contro soprusi e mafie: monsignor Antonio Riboldi, il vescovo scomodo

Il 10 dicembre 2017 moriva monsignor Antonio Riboldi, rosminiano, vescovo di Acerra dal 1978 al 2000. E il 10 dicembre 2022, al mattino, nella sala teatro dei frati cappuccini di Padova, Riboldi viene ricordato con un convegno che intende valorizzarne la

Nella guerra all’Ucraina non sottovalutiamo il fattore religioso

Nell’aggressione della Russia all’Ucraina, c’è un aspetto che viene sottovalutato, ed è quello religioso. I media si limitano a rilanciare le “perle di saggezza” del patriarca russo Cirillo I Kirill: la guerra come lotta contro i modelli di vita occidentali,

Nella guerra all’Ucraina non sottovalutiamo il fattore religioso

Nell’aggressione della Russia all’Ucraina, c’è un aspetto che viene sottovalutato, ed è quello religioso. I media si limitano a rilanciare le “perle di saggezza” del patriarca russo Cirillo I Kirill: la guerra come lotta contro i modelli di vita occidentali,

Chiesa perseguitata. Cristiani martiri nel silenzio del mondo

«Fino a qualche decennio fa, si trattava di casi sporadici, ora la violenza è diventata sistematica e organizzata». A dirlo è il nigeriano don Udoji Julius Onyekweli, parroco di Montopoli in Valdarno, in Toscana, ancora scosso per l’uccisione, lo scorso

Chiesa perseguitata. Cristiani martiri nel silenzio del mondo

«Fino a qualche decennio fa, si trattava di casi sporadici, ora la violenza è diventata sistematica e organizzata». A dirlo è il nigeriano don Udoji Julius Onyekweli, parroco di Montopoli in Valdarno, in Toscana, ancora scosso per l’uccisione, lo scorso

In Val d’Orcia ogni podere racconta la fatica, ma anche l’impegno e la passione di chi ha lavorato quella terra e l’ha resa feconda

Succede che una giornalista, che di solito si occupa di aree di crisi e terre martoriate, si ritrovi nel ristorante del castello di San Giovanni d’Asso (Montalcino-Siena), pittoresco borgo toscano, a pasteggiare con il Diamante Bianco – così chiamano qui

In Val d’Orcia ogni podere racconta la fatica, ma anche l’impegno e la passione di chi ha lavorato quella terra e l’ha resa feconda

Succede che una giornalista, che di solito si occupa di aree di crisi e terre martoriate, si ritrovi nel ristorante del castello di San Giovanni d’Asso (Montalcino-Siena), pittoresco borgo toscano, a pasteggiare con il Diamante Bianco – così chiamano qui

Il “grazie” di Pizziol a Vicenza

«Dio onnipotente mi ha chiamato senza alcun merito». È all’insegna dell’umiltà, sulle orme del beato Albino Luciani che, allora patriarca di Venezia, lo ordinò sacerdote, il congedo del vescovo Beniamino Pizziol dalla diocesi di Vicenza, per raggiunti limiti di età

Il “grazie” di Pizziol a Vicenza

«Dio onnipotente mi ha chiamato senza alcun merito». È all’insegna dell’umiltà, sulle orme del beato Albino Luciani che, allora patriarca di Venezia, lo ordinò sacerdote, il congedo del vescovo Beniamino Pizziol dalla diocesi di Vicenza, per raggiunti limiti di età

La casa è sempre più green: zero consumi

Niente pigiama, niente piumino, niente allacciamento alla rete del gas, niente antiestetici termosifoni o split alle pareti. Siamo a Spinea (Venezia), nella casa del giornalista Giorgio Malavasi, progettata dall’architetta Denise Tegon, specializzata nell’edilizia ad alta efficienza energetica. A questo ecosistema

La casa è sempre più green: zero consumi

Niente pigiama, niente piumino, niente allacciamento alla rete del gas, niente antiestetici termosifoni o split alle pareti. Siamo a Spinea (Venezia), nella casa del giornalista Giorgio Malavasi, progettata dall’architetta Denise Tegon, specializzata nell’edilizia ad alta efficienza energetica. A questo ecosistema

Cop27 a Sharm El-Sheikh: solo un passo sulla lunga strada della giustizia climatica

La Cop27, che si è svolta a Sharm el-Sheikh in Egitto, dal 6 al 18 novembre, ha fatto un passo importante verso la giustizia climatica, come ha riconosciuto il segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ma ha mancato ancora una

Cop27 a Sharm El-Sheikh: solo un passo sulla lunga strada della giustizia climatica

La Cop27, che si è svolta a Sharm el-Sheikh in Egitto, dal 6 al 18 novembre, ha fatto un passo importante verso la giustizia climatica, come ha riconosciuto il segretario delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ma ha mancato ancora una

Plastica sostenibile: «Chi ha detto che non si può?»

Lavoro con la “porcheria” fin da ragazzo quando, a mani nude, dividevo i residui delle materie plastiche, perché papà – un pioniere del settore – si occupava di rigenero. Dall’odore sapevo distinguere il polipropilene dal polietilene, acre il primo, dolciastro

Plastica sostenibile: «Chi ha detto che non si può?»

Lavoro con la “porcheria” fin da ragazzo quando, a mani nude, dividevo i residui delle materie plastiche, perché papà – un pioniere del settore – si occupava di rigenero. Dall’odore sapevo distinguere il polipropilene dal polietilene, acre il primo, dolciastro