Maria Maddalena. La testimone del Risorto confusa per secoli con la peccatrice anonima

«Maria Maddalena partecipa e condivide il dramma di Gesù. Lo segue nella condanna, nella via del Calvario, nella crocifissione, nella morte, nella deposizione dalla croce. Lei c’è sempre. È la prima a vedere il Risorto. Ed è lei a diffondere

Maria Maddalena. La testimone del Risorto confusa per secoli con la peccatrice anonima

«Maria Maddalena partecipa e condivide il dramma di Gesù. Lo segue nella condanna, nella via del Calvario, nella crocifissione, nella morte, nella deposizione dalla croce. Lei c’è sempre. È la prima a vedere il Risorto. Ed è lei a diffondere

Pizzaballa ad Aquileia: il legame con i Luoghi Santi

«Per tutti i credenti, e in particolare per i cristiani, Gerusalemme è il luogo-simbolo dell’anelito alla riconciliazione e all’unità. Per questo, conflitti e divisioni che qui avvengono suscitano più sconcerto che in qualsiasi altra parte del mondo». Così si è

Pizzaballa ad Aquileia: il legame con i Luoghi Santi

«Per tutti i credenti, e in particolare per i cristiani, Gerusalemme è il luogo-simbolo dell’anelito alla riconciliazione e all’unità. Per questo, conflitti e divisioni che qui avvengono suscitano più sconcerto che in qualsiasi altra parte del mondo». Così si è

«In radio sfido la sclerosi»

«Dora adesso è seduta. Dora è mezza accecata. Ma voi andate oltre, perché Dora è rimasta Dora». Quando la senti alla radio, la sua voce attraversa tutte le gamme: è solare, scherzosa, ma anche più seria se si tratta di

«In radio sfido la sclerosi»

«Dora adesso è seduta. Dora è mezza accecata. Ma voi andate oltre, perché Dora è rimasta Dora». Quando la senti alla radio, la sua voce attraversa tutte le gamme: è solare, scherzosa, ma anche più seria se si tratta di

Treviso. Bruni e Tomasi, dialogo sul benedetto/maledetto lavoro

«La mano dell’uomo che – in pieno lockdown – mi portava a casa un pacco di prodotti della terra dei miei genitori ha per me la stessa dignità del sacerdote che in chiesa ti porge l’eucaristia, perché era servizio, era

Treviso. Bruni e Tomasi, dialogo sul benedetto/maledetto lavoro

«La mano dell’uomo che – in pieno lockdown – mi portava a casa un pacco di prodotti della terra dei miei genitori ha per me la stessa dignità del sacerdote che in chiesa ti porge l’eucaristia, perché era servizio, era

«Sant’Antonio da Padova ci insegna che nessun uomo è un’isola»

«Sant’Antonio di Padova è un santo che non invecchia, resiste al trascorrere dei secoli, sereno e sorridente, portando in braccio il Bambino Gesù, che è la sua gioia più grande. E noi, avvicinandoci a lui, sentiamo di entrare anche a

«Sant’Antonio da Padova ci insegna che nessun uomo è un’isola»

«Sant’Antonio di Padova è un santo che non invecchia, resiste al trascorrere dei secoli, sereno e sorridente, portando in braccio il Bambino Gesù, che è la sua gioia più grande. E noi, avvicinandoci a lui, sentiamo di entrare anche a

Ecumenismo domestico – Lui cattolico, lei ortodossa. Una storia d’amore nata nel ’97 più forte di ogni diversità

«Era Natale 1997. Mi trovavo nel tempio serbo-ortodosso di Trieste, quando vidi una persona di colore. Mi sembrò singolare. Nella mia superbia intellettuale pensai di avvicinarmi per spiegare alla persona in questione che, in quanto musulmana, stava nel luogo sbagliato,

Ecumenismo domestico – Lui cattolico, lei ortodossa. Una storia d’amore nata nel ’97 più forte di ogni diversità

«Era Natale 1997. Mi trovavo nel tempio serbo-ortodosso di Trieste, quando vidi una persona di colore. Mi sembrò singolare. Nella mia superbia intellettuale pensai di avvicinarmi per spiegare alla persona in questione che, in quanto musulmana, stava nel luogo sbagliato,

L’orrore dell’India: duemila cadaveri abbandonati lungo il Gange

Cadaveri che fluttuano nel Gange. Oltre 2.000 secondo una stima in difetto. Un’altra conseguenza della seconda ondata della pandemia di Covid-19 che ha colpito l’India a dicembre 2020, partita da Mumbay e poi diffusasi ovunque nel Paese, e che rappresenta

L’orrore dell’India: duemila cadaveri abbandonati lungo il Gange

Cadaveri che fluttuano nel Gange. Oltre 2.000 secondo una stima in difetto. Un’altra conseguenza della seconda ondata della pandemia di Covid-19 che ha colpito l’India a dicembre 2020, partita da Mumbay e poi diffusasi ovunque nel Paese, e che rappresenta

Schio (VI). L’ultimo saluto a Nadia De Munari, l’angelo di Nuevo Chimbote uccisa in Perù

«Accendiamo la candela». Era questo il segnale. I bambini sapevano che era il momento di parlare con Dio. L’ha raccontato monsignor Giorgio Barbetta, vescovo ausiliare della diocesi di Huari, in Perù, lunedì pomeriggio nell’omelia al funerale di Nadia De Munari,

Schio (VI). L’ultimo saluto a Nadia De Munari, l’angelo di Nuevo Chimbote uccisa in Perù

«Accendiamo la candela». Era questo il segnale. I bambini sapevano che era il momento di parlare con Dio. L’ha raccontato monsignor Giorgio Barbetta, vescovo ausiliare della diocesi di Huari, in Perù, lunedì pomeriggio nell’omelia al funerale di Nadia De Munari,

Il buon samaritano chiamato Caronte

Lo chiamano il “Caronte della Romea”. Traghetta con la sua barca i pellegrini che dal Veneto si dirigono in Emilia Romagna. Questa brevissima navigazione sul fiume Po – solo pochi minuti – si rivela un’esperienza emozionante. Questo attraversamento è frutto

Il buon samaritano chiamato Caronte

Lo chiamano il “Caronte della Romea”. Traghetta con la sua barca i pellegrini che dal Veneto si dirigono in Emilia Romagna. Questa brevissima navigazione sul fiume Po – solo pochi minuti – si rivela un’esperienza emozionante. Questo attraversamento è frutto

Perù. Nadia non ce l’ha fatta. Morta la missionaria laica vicentina – Nadia no lo logrò. Muerta la laica misionera de Vicenza

Nadia De Munari non ce l’ha fatta: la notizia che nessuno avrebbe mai voluto sentire è arrivata ieri pomeriggio. I familiari, gli amici e i volontari dell’Operazione Mato Grosso di cui Nadia faceva parte, sono sopraffatti dal dolore. Proprio per

Perù. Nadia non ce l’ha fatta. Morta la missionaria laica vicentina – Nadia no lo logrò. Muerta la laica misionera de Vicenza

Nadia De Munari non ce l’ha fatta: la notizia che nessuno avrebbe mai voluto sentire è arrivata ieri pomeriggio. I familiari, gli amici e i volontari dell’Operazione Mato Grosso di cui Nadia faceva parte, sono sopraffatti dal dolore. Proprio per