Dossier Afghanistan. Mogli e figlie delle vittime di guerra

«Un’esplosione. Mio marito è morto. Dei miei quattro figli, due hanno problemi psicologici, hanno perso la memoria, e uno ha anche difficoltà a parlare. Io ho problemi di cuore e la nostra casa ha il tetto pericolante», dice Fatima.

«Quando è scoppiato il conflitto, siamo scappati da casa, immediatamente, senza neanche poter prendere le scarpe. Quando sono potuta ritornare, tutto era stato bruciato. Chiedere aiuto al Governo è inutile. Tutti sanno che alla gente povera non danno la licenza per commerciare. Ci vogliono le mazzette e io non ho soldi. Io, poi, non ho neppure potuto provare a chiedere, perché non so né leggere, né scrivere. Quelli della famiglia che lo sapevano fare, sono stati uccisi», afferma Fauzia.
«Nella casa vicino a noi, un bambino stava nel suo lettino quando è entrata una persona con un fucile. Il piccolo pensava che stesse giocando con l’arma, gli sorrideva, invece il signore della guerra gli ha sparato. Mio marito è stato ucciso da un razzo, sono rimasti solo pezzi di carne appesi al muro. Nel massacro perpetrato dai talebani, della mia famiglia allargata, sono state ammazzate settanta persone», racconta Marzia. 
«Non riesco a dormire, soffro di depressione e devo prendere sempre farmaci. Sto seduta e piango per tutte le persone morte che ho visto. Gli uomini sono stati ammazzati e noi donne siamo dovute fuggire, non abbiamo neppure potuto seppellire i nostri mariti, che sono stati gettati in una fossa comune. Quando più tardi, ci è stato chiesto di riconoscerne i corpi, erano decomposti o mangiati», aggiunge un’altra.
Sono le voci dei familiari delle vittime: del regime filosovietico (1978-1992), delle guerre civili (1992-1996), dell’epoca del terrore dei talebani (1996-2001) e fino a oggi (solo negli ultimi dieci anni, le stime ufficiali parlano di 67 mila morti, di cui 15 mila civili afghani).
Sono soprattutto donne quelle che incontriamo in un quartiere povero di Kabul; vedove, figlie rimaste senza padre, sorelle che hanno perso i fratelli, ma ci sono anche uomini, che magari hanno fatto la resistenza, ma nessuno glielo riconosce. Sono donne che la vita ha messo a dura prova, hanno magari 35, 40 anni, ma i visi rugosi dei nostri vecchi, la sofferenza stampata in volto; la loro età non la sanno neppure loro, qualcuna azzarda un circa, qualche altra non risponde.
Weeda Ahmad, direttrice del Saajs (ph Romina Gobbo)

Weeda Ahmad, direttrice del Saajs (ph Romina Gobbo)

A prendere a cuore le loro storie, è stata Saajs (Social Association of Afghan Justice Seekers – Associazione afghana per la giustizia), sorta nel 2007, con l’obiettivo che vengano perseguiti tutti coloro che, negli ultimi trent’anni, hanno violato i diritti umani e commesso crimini. «Da quando il governo Karzai e i suoi sostenitori stranieri si sono insediati, tasso di insicurezza (ogni giorno centinaia di afghani innocenti perdono la vita in attentati suicidi), povertà (i 40 miliardi di dollari di aiuti internazionali si sono persi nei corridoi del potere), disoccupazione, ingiustizia, corruzione (la coltivazione estensiva e la produzione di oppio sta trasformando la società in un narco-stato), uccisione di civili, violazione dei diritti umani, sono aumentati», dice Weeda Ahamd, direttrice di Saajs: «Il Governo non fa altro che ratificare leggi crudeli e ingiuste. L’amnistia per quanti rinunciano alla lotta armata e rompono i legami con Al Qaeda, votata nel 2007 dal Parlamento, è un invito aperto a continuare a commettere crimini e impedisce la vera riconciliazione».

Chi si avvicina all’associazione cerca aiuto per ricostruire le case che hanno perso, per trovare un lavoro per mantenere quel che è rimasto delle loro famiglie. Ma chiede anche che si faccia luce sulle fosse comuni, che i criminali siano assicurati alla giustizia e giudicati da un tribunale internazionale imparziale. Saajs sta facendo un grosso lavoro di ascolto di chi ha perso i familiari. Mariti, mogli, figli, fratelli, sorelle e parenti: vogliono che le loro storie siano conosciute. «Non vogliamo vendetta, non vogliamo lavare il sangue con il sangue, vogliamo giustizia e vogliamo la pace, ma non potrà esserci pace, finché non avremo nulla da mangiare», conclude Fauzia.

© 2012 Foto e testo di Romina Gobbo

pubblicato su famigliacristiana.it  – 1 maggio 2012

http://www.famigliacristiana.it/articolo/donne-afghanistan.aspx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: