17 dicembre 2010, Mohamed Bouazizi si dà fuoco. Inizia la primavera araba

Il 17 dicembre 2010, Mohamed Bouazizi, venditore ambulante di 26 anni esasperato dalla precarietà, si dava fuoco, innescando, a partire dalla Tunisia, quel sollevamento popolare, che ha portato al rovesciamento del dittatore Zine El Abidine Ben Ali e ha poi suscitato un’ondata di rivolte simili nel mondo arabo, identificate con il nome di “primavera araba”. I giovani chiedevano libertà, giustizia, uguaglianza, lavoro… Cos’è rimasto di tutto questo? La Tunisia ha portato a termine la sua transazione politica; in Egitto sono tornati al potere i militari, ma si respira comunque un certo ottimismo. Le grandi sfide sono lo sviluppo economico e la lotta al terrorismo. Gli attentati che hanno colpito i due Paesi, hanno azzerato il turismo, la maggior fonte di introiti. E la Siria? Anche lì i giovani erano scesi in piazza con richieste legittime, ma sono stati brutalmente repressi. Cinque anni dopo, il Paese è allo sfascio. Perché di quelle istanze, di quei giovani, non importa a nessuno. Per le grandi potenze il Medio Oriente è sempre stato solo un luogo dove farsi gli affari propri.

© 2015 Romina Gobbo – 17 dicembre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: