I jihadisti non risparmiano le Filippine

Nove cristiani sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco nell’assalto compiuto da circa 200 jihadisti del Biff (Bangsamoro Islamic Freedom Fighters). Il fatto è avvenuto nell’isola di Mindanao, nel sud delle Filippine, nella notte fra il 24 e il 25 dicembre. Altri attacchi hanno interessato Sultan Kudarat, Maguindanao e Nord Cotabato; la polizia è riuscita a uccidere cinque assalitori, neutralizzando così il piano terrorista. Tuttavia, la tregua fra Moro Islamic Liberation Front e il governo, che prevedeva un cessate il fuoco di 12 giorni a partire dal 23 dicembre per le celebrazioni natalizie, è ormai rotta. Le forze dell’ordine hanno messo sotto sorveglianza centri commerciali, chiese, stazioni di autobus, terminal dei traghetti, e ogni luogo che possa essere considerato un obiettivo sensibile.
I Bangsamoro sono un gruppo di ribelli fuoriusciti nel 2011 dal Moro Islamic Liberation Front (principale gruppo separatista di Mindanao, isola a maggioranza musulmana nell’arcipelago prevalentemente cristiano), perché contrari all’avvio di un processo di pace con il governo. Negli ultimi tempi, i Biff si sono presentati come affiliati all’Isis.

© 2015 Romina Gobbo – 27 dicembre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: