Siria. Le macerie nei cuori

Il 15 marzo 2011 il popolo siriano si alzò in piedi per protestare contro un regime che per troppo tempo li aveva vessati. La risposta è stata il massacro. Non c’è stato scampo e non c’è stata scelta. Il conflitto è degenerato, è stato strumentalizzato, molti si sono arricchiti, la gente è morta, i bambini giocano con le armi, il Paese è distrutto e spopolato. Si cammina sul sangue e sulle macerie. Forse si arriverà alla pace, forse si ricostruirà. Ma il sangue e le macerie nei cuori di un’intera popolazione non saranno così facili da cancellare. Un’altra pagina di storia indegna dell’umano. E non è finita. Vedremo a chi toccherà la prossima volta. Quale altro Paese dovrà pagare l’avidità e l’inarrestabile sete di potere dei “potenti” della terra.

© 2017 Romina Gobbo – inedito – 15 marzo 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: