La humint alla luce dei nuovi scenari

I media spagnoli hanno pubblicato la notizia che Abdelbaki Es Satty, l’imam marocchino di Ripoll a capo della cellula terroristica di Isis che ha organizzato l’attentato di Barcellona del 17 agosto scorso, che causò 16 morti, aveva collaborato con i servizi segreti spagnoli, il Cni. I servizi segreti naturalmente non hanno detto quale era stato il ruolo di Satty. Sembra che egli si fosse proposto come informatore mentre era in carcere per traffico di droga, dichiarando agli uomini dei servizi che erano stati gli stessi jihadisti ad obbligarlo a diventare un trafficante di droga per finanziarsi. A questo punto credo si imponga una riflessione sull’impiego da parte dell’intelligence delle risorse umane. Magari la humint va ripensata alla luce dei nuovi scenari.

© 2017 Romina Gobbo

pubblicato su LinkedIn venerdì 17 novembre 2017

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: