Islanda. Parità salariale o multa

Dal primo gennaio di quest’anno in Islanda i datori di lavoro – pubblici e privati – devono pagare lo stesso salario a uomini e donne. Chi ha più di 25 dipendenti dovrà ottenere annualmente la certificazione governativa di parità salariale, altrimenti sono previste multe salatissime. La legge è stata voluta dalla nuova premier, la 42enne Katrín Jakobsdóttir, leader della Vinstrihreyfingin – grænt framboð (Sinistra – Movimento Verde), ma era stata già approvata insieme dal precedente governo di centro-destra e dall’opposizione di centro-sinistra. In Italia siamo ben lontani dal raggiungere parità salariale e uguali opportunità. Ah scordavo, adesso siamo in campagna elettorale con ben altre priorità. Tipo abolire i vaccini e il canone Rai. #tuchecosaaboliresti #campagnaelettorale2018

© 2018  – Romina Gobbo – Facebook 11 gennaio 2018

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: