No all’hate speech

Al di là della polarizzazione che porta oggi il popolo italiano a dividersi in pro e contro il presidente Mattarella, quello che non è accettabile sono i toni violenti. E non lo è soprattutto oggi in cui ricordiamo la strage di piazza della Loggia (28 maggio 1974) e l’assassinio di Walter Tobagi (28 maggio 1980). E siamo ancora scossi dal ricordo nei giorni scorsi dell’assassinio di Giovanni Falcone (23 maggio 1992) e di Aldo Moro (9 maggio 1978). I toni violenti non hanno mai fatto bene né al nostro, né a nessun altro Paese. La storia – anche quella recente – insegna che ci vuole poco a passare da parole violente a fatti criminosi.

© 2018 – Romina Gobbo – Facebook 28 maggio 2018

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: