Ciclone Idai: per il Mozambico un’ecatombe – Cyclone Idai: for Mozambique a massacre

«Un’ecatombe»: questo ha detto al telefono don Maurizio Bolzon, sacerdote fidei donum della diocesi di Vicenza in missione a Beira. Il Mozambico è in ginocchio: non ci sono più case, rase al suolo dal ciclone Idai. Non c’è energia elettrica ed è saltato il servizio idrico urbano. Le strade sono interrotte e ricoperte di tronchi d’albero e di detriti. Anche la torre di controllo dell’aeroporto di Beira è stata abbattuta, questo rende ancora più difficile per i soccorsi raggiungere il paese. A Buzi – distretto di Beira – l’acqua ha raggiunto i sette metri. La gente si è arrampicata sugli alberi per non annegare. E’ necessaria l’evacuazione il prima possibile, anche perché continua a piovere. 400mila persone non sono ancora state raggiunte. Sul posto Medici con l’Africa-Cuamm, presente da anni a Maputo, così come Medici Senza Frontiere, e Caritas International. Oltre al Mozambico, contano i morti e i danneggiamenti anche il Malawi e lo Zimbabwe. La catastrofe ancora una volta colpisce i più poveri. E nel quasi totale silenzio dei media italiani, che neppure sanno dov’è il Mozambico. Un corso di geografia per i giornalisti?

Ps. Le foto sono di Medici con l’Africa-Cuamm

Beira vista dal satellite prima e dopo il passaggio del ciclone

© 2019 Romina Gobbo – Facebook 21 marzo 2019

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: