Afghanistan. Il terrore non si ferma – Afghanistan. Terror does not stop

Ancora un attentato oggi nella capitale afghana Kabul, vicino al Ministero della Difesa. Altri 26 bambini feriti (oltre ad un’ottantina di adulti). La rivendicazione è arrivata dal portavoce dei talebani, Zabihullah Mujahid. Ricordo che a Doha (Qatar) proprio in questi giorni sono in corso i colloqui di pace tra Usa e forze anti-governative volti a porre fine alla guerra. Allora a che pro continuare a seminare il terrore? Probabilmente per alzare l’asticella delle richieste. Diciotto anni di presenza internazionale ed un nulla di fatto. A dimostrazione che un paese, una volta destabilizzato, quasi mai riesce a riprendersi. Dal Congo al Sud Sudan, dalla Siria allo Yemen, generazioni e generazioni di bambini nati e cresciuti sotto le bombe, a volte “mutilati” anche nel fisico, ma sempre nella psiche, e che dovranno trovare la forza per convivere con l’orrore vissuto.

© 2019 Romina Gobbo – Facebook 2 luglio 2019

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: