Naufragio di Lampedusa. Volti, non numeri – Shipwreck of Lampedusa. Faces, not numbers

L’ennesimo naufragio a Lampedusa. Bimbi e madri dispersi. I volti non li conosciamo, da anni sentiamo ripetere numeri e questo ci salva la coscienza. Allora proviamo a conoscerli. Chi sono questi otto bimbi di cui non si sa nulla? Chi sono le loro madri? Li ho visti, li ho incontrati nei miei viaggi in Africa? Ho incontrato i loro genitori, i fratelli, le madri, le zie, le nonne? Ero io straniera nelle loro terre, ma loro non mi hanno mai fatto sentire tale. Sotto al Mediterraneo non ci sono nomi, ci sono persone. Hanno i volti dei bambini e delle donne di queste mie foto. Come facciamo a guardare i nostri figli, i nostri nipoti, mentre bimbi della stessa età annegano in un mare che è prima di tutto indifferenza? Nessuno si chiami fuori. La storia ci chiederà conto di questa vergogna.

Romina Gobbo con bambino etiope

Romina Gobbo in un campo profughi del Sud Sudan

 2019 Testo e foto di Romina Gobbo – Facebook 7 ottobre 2019

Sud Sudan, ospedale Cuamm. Madre con neonato (foto Romina Gobbo)

Sud Sudan, ospedale Cuamm. Neonato (foto Romina Gobbo)

Sud Sudan, ospedale Cuamm. Madre con neonato (foto Romina Gobbo)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: