Vicenza abbraccia il suo nuovo pastore. Brugnotto: cammineremo tutti insieme

«Sii, caro don Giuliano, un vescovo felice!». Sono queste le parole con le quali il cardinale vicentino Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, ha concluso la sua omelia per l’ordinazione episcopale di monsignor Giuliano Brugnotto, 58 anni, trevigiano, nuovo vescovo di Vicenza. E non poteva che essere questo l’augurio nella terza domenica di Avvento, la cui liturgia della Parola invita alla gioia, Gaudete. La solenne Messa e rito di consacrazione si sono tenuti domenica scorsa nella Cattedrale di Santa Maria Annunciata, animata dal coro diretto dal maestro Ornelio Bortoliero. Co-consacranti principali, vescovo della diocesi di Treviso, di cui Brugnotto era vicario generali. Presenti anche il cardinale Francesco Coccopalmerio, il patriarca di Venezia, Francesco Moraglia (che, da presidente della Conferenza episcopale triveneta, ha dato il benvenuto al nuovo membro), venticinque vescovi, provenienti da varie zone d’Italia, circa 350 tra presbiteri e diaconi, un migliaio di fedeli. Una celebrazione molto particolare. Il rito di ordinazione, infatti, prevede dei passaggi suggestivi, come l’interrogazione dell’eletto, affinché egli confermi pubblicamente il suo sì a Cristo, la prostrazione dell’eletto in segno di umiltà e di abbandono fiducioso a Dio, l’imposizione delle mani sul suo capo da parte dei cardinali e dei vescovi, e l’unzione crismale, a ricordo del Battesimo. Poi la consegna di anello, croce e pastorale, doni del vescovo Pizziol, in segno di continuità della Chiesa vicentina.

«Da questo momento don Giuliano è pastore della Chiesa di Vicenza», ha annunciato solennemente il cardinale Parolin, che gli ha consegnato tre parole: «Gioia, pazienza e concretezza devono brillare in chi è chiamato ad essere pastore. Queste parole potrebbero aiutarti ad assolvere alle tue responsabilità e a venire incontro alle ragionevoli aspettative della comunità», sottolineando “ragionevoli”, perché – ha detto, strappando un sorriso collettivo – «è risaputo che i vescovi non fanno miracoli». Infine, l’affido alla Madonna di Monte Berico e a santa Maria Bertilla Boscardin, la cui devozione Vicenza e Treviso condividono, perché ella ha operato in entrambe le diocesi. Nella seconda parte della celebrazione ha preso la parola il nuovo vescovo. Che, prima della benedizione conclusiva, ha aperto il suo cuore, raccontando dolori e gioie che lo hanno accompagnato nell’ultimo anno, tra i primi, la morte di uno zio, tra i secondi, la chiamata di papa Francesco. «Ora sono stato consegnato al santo popolo di Dio che è in Vicenza».

E rivolgendosi al presbiterio: «Vi chiedo la pazienza per una conoscenza reciproca e per servire questa Chiesa camminando insieme». Ma il momento più commovente è stato quando Brugnotto ha ringraziato della presenza i familiari, e ha chiesto l’applauso per mamma Luciana, impossibilitata ad intervenire. Ricca l’agenda della settimana per il vescovo Giuliano, alla guida di una tra le maggiori dieci diocesi italiane. Il territorio appartiene per la maggior parte alla provincia di Vicenza, con alcune estensioni delle province di Padova e Verona, 847mila abitanti, 355 sacerdoti, 187 religiosi e 1.000 religiose. Vicenza, inoltre, grazie ai suoi sacerdoti fidei donum, continua ad essere presente in Thailandia, Africa e America Latina. Impegno che piace molto al nuovo vescovo, che è stato in terra di missione, e che ha chiesto di non ricevere doni, ma di devolvere piuttosto un’offerta per la costruzione di un ospedale in Pakistan.

© 2022 Testo e foto di Romina Gobbo 

pubblicato su Avvenire - Catholica - martedì 13 dicembre 2022 - pag. 18

Didascalia: Monsignor Giuliano Brugnotto durante la prostrazione, uno dei segni del rito di ordinazione episcopale. Credits Romina Gobbo
Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: